Deve essere ancora programmato, quindi al momento una data precisa non c'è, ma l'intervento contro il dilagare dei cinghiali in città potrebbe partire a breve. Per arginare l'emergenza, infatti, il Comune ha chiesto e ottenuto il disco verde da parte dell'Atc Frosinone che farà un sopralluogo in città e, se sarà possibile, verrà contattato il personale specializzato per procedere con la cosiddetta caccia di selezione.

«Ci siamo attivati per primi in provincia di Frosinone per portare a Sora le gabbie per la cattura dei cinghiali - ha sottolineato il consigliere Alessandro Mosticone che ha partecipato anche a un'accesa riunione con i cittadini e il comitato di quartiere in zona San Giorgio - Le gabbie ora non sono reperibili e sono a pagamento, quindi abbiamo optato per la caccia di selezione».

Il consigliere Mosticone ha riconosciuto il disagio dei cittadini e, considerato che la soluzione delle gabbie al momento non è praticabile, si è attivato per richiedere l'intervento dei cacciatori specializzati. «Come comitato abbiamo fatto tutto quello che si poteva fare - ha detto Daniele Urbano, presidente del comitato di quartiere di San Giorgio - Noi ci siamo impegnati al massimo, adesso dal Comune dovranno trovare le soluzioni. In ogni caso, noi non ci fermiamo e insisteremo fino a quando il problema non sarà quantomeno arginato, perché comprendiamo che risolverlo del tutto è difficile».

Sono decine i cinghiali che si aggirano nel quartiere di San Giorgio e spesso con il loro passaggio rovinano orti e coltivazioni. Una situazione che ha esasperato le famiglie della zona; in molti hanno paura a rientrare a casa la sera per paura di incontri ravvicinati con i cinghiali. Da qui l'appello corale a fare qualcosa per riportare un po' di serenità in questo e negli altri quartieri della città assediati dai cinghiali. Non resta che attendere la risposta dell'Ambito territoriale di caccia, iniziando dal sopralluogo che stabilirà se il ricorso alla caccia selettiva potrà essere attuato o meno.