Sono quasi le 19 dell'ultimo sabato del mese di settembre. Arriviamo nel caratteristico centro storico di Piglio. La festa è già iniziata da un po', ma c'è tutto il tempo per immergersi nella tradizione, farsi "catturare" dai numerosi stand che hanno proposte gustose da proporre ai visitatori. Ovviamente, protagonista, è il Cesanese del Piglio.

E poi tanta musica, balli, divertimento, aggregazione. Celebrata la tradizione vinicola a Piglio.
Di scena, nello scorso week-end, la quarantanovesima edizione della "Sagra dell'uva Cesanese del Piglio".
L'intero centro storico colmo di stand e angoli in cui è stato possibile mangiare, degustare e acquistare vino a volontà.

Presenti sul territorio molte aziende vitivinicole, ma la quasi totalità di esse è stata rappresentata dall'associazione per la Gestione della Strada del Vino Cesanese che, con banco situato lungo il viale del paese, ha messo a disposizione del pubblico più di venti etichette di Cesanese del Piglio.
Ma la sagra dell'uva è stata anche arte, cultura, con allestimenti di mostre, presentazioni di libri. E ancora, il coinvolgimento della musica proposta dai gruppi folk, l'attrazione con i giocolieri, gli sbandieratori.

Non ha deluso le aspettative neppure l'edizione di quest'anno. Uno degli eventi più attesi della Ciociaria; si punta molto sul rilancio del turismo enogastronomico e sulle eccellenze come il Cesanese, vino rosso Docg del Lazio.
Una tre giorni, dunque, di successo, con tanta musica e con degustazioni di prodotti tipici accompagnati dall'ottimo vino Cesanese, ma è stata anche un'opportunità per scoprire il borgo di Piglio, camminare tra i caratteristici vicoli.

Le immagini, postate anche sui social, dai tanti partecipanti alla kermesse, confermano che anche l'edizione di quest'anno della "Sagra dell'uva Cesanese del Piglio" ha fatto centro.
La "Sagra dell'uva" trova ragione di esistere da un ricco e secolare patrimonio di tradizioni, di cultura, di economia agricola e si impone come festa di popolo che, come detto, anche nello scorso fine settimana ha richiamato a Piglio migliaia di persone, così come è sempre stato durante la manifestazione.