Ancora morti sulla Sora-Cassino. Stavolta si piangono tre giovani vittime, Alessio, Iris e Alessandro, strappati alla vita martedì sera sulla superstrada, nei pressi dello svincolo di Fontechiari, da un terribile incidente. Uno dei tanti sul pericoloso tratto di superstrada.
Già nei giorni precedenti la tragedia, erano in molti a raccontare momenti di paura mentre si percorrevano quei chilometri: sorpassi dovunque, in curva, con la doppia striscia, in galleria.

«Al ritorno da Sora, ho dovuto accostare tutto a destra per permettere a un'auto di finire il sorpasso di un camion con rimorchio, altrimenti ci saremmo scontrati», racconta un avvocato che se l'è vista brutta. Ma l'elenco delle infrazioni e delle guide pericolose è lungo e da brividi.
Di recente, dopo la sistemazione dell'asfalto su un lungo tratto dallo svincolo di Broccostella verso quello di Fontechiari, sono state ridisegnate le strisce tracciando un'unica linea continua, anche sui lunghi rettilinei.

Da ricordare, inoltre, che dal 2015 sul tratto Sora-Atina vige il limite di 50 chilometri orari: nessuno dei due obblighi viene rispettato. Il motivo? Non sarebbe più una superstrada a scorrimento veloce come recitava il progetto del 1968. Più conveniente percorrere la parallela regionale 627 che non presenta tutte quelle limitazioni.
Un altro fattore altrettanto importante è l'enorme flusso di traffico che percorre la Sora-Cassino, con un numero spropositato di veicoli pesanti.

A fine novembre 2021, la Provincia di Frosinone (allora gestore del tratto Sora-Atina) decise di istituire una task force, il "Team Frosinone Recovery Plan" con lo scopo di implementare il Pnrr come strumento per migliorare le infrastrutture. Si parlava di raddoppio della carreggiata: l'ipotesi era favorita dal fatto che già al momento della costruzione del tratto Atina Settignano-Broccostella i cavalcavia costruiti lungo la strada furono realizzati più lunghi del necessario proprio in previsione del raddoppio della sottostante carreggiata.
Intanto, mentre per la Sora-Atina resta un'ipotesi, nello stesso anno fu presentato il progetto di raddoppio della superstrada Avezzano-Sora, con un investimento pari a circa 960 milioni di euro.