Un territorio in lutto e sotto choc per la tragica scomparsa dei tre giovani ragazzi strappati alla vita sulla strada della morte. Non sono tardati i commenti delle istituzioni e la vicinanza alle famiglie delle vittime.
«Questa mattina (ieri, ndr) ho appreso, con grande commozione, della tragedia nella quale hanno perso la vita tre nostri conterranei – ha detto il sindaco di Sora, nonché presidente della provincia di Frosinone Luca Di Stefano – Sono rimasto veramente colpito dall'ennesimo incidente che, in un attimo, ha cancellato l'esistenza di tre giovani che ancora dovevano realizzare i loro sogni e le loro aspettative. La nostra comunità sta vivendo un momento di grande tristezza per queste vite stroncate in un modo così improvviso e assurdo. Esprimo le mie più sincere condoglianze e la mia vicinanza ai familiari delle vittime».

Anche l'amministrazione comunale di Fontechiari, rappresentata dal sindaco Pierino Serafini ha espresso vicinanza alle famiglie. «È un giorno molto triste per Fontechiari. Siamo particolarmente vicini alle famiglie delle vittime, alle quali desideriamo far giungere il nostro cordoglio e la nostra solidarietà in un momento di così grande sofferenza.
Siamo certi di interpretare l'emozione di tutti i fontechiaresi che in queste ore si immedesimano nella loro drammatica vicenda e nel loro dolore».
Parole di cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime anche dal sindaco di Arnara, Massimo Fiori. «Una notizia che ci ha lasciato tanto dolore. Tre giovani vite spezzate, tra cui quella della nostra Iris. Ai suoi familiari e alle famiglie degli altri due ragazzi il cordoglio dell'amministrazione e di tutta la cittadinanza».

Il consigliere provinciale Luigi Vacana, figlio della Valle di Comino, ha ribadito la pericolosità di quella maledetta strada. «Alessio, trent'anni, la fidanzata Iris di ventisei, e poi Alessandro, che ne aveva diciotto. La strage dell'altra notte sulla superstrada Sora-Cassino, macchia ancora di sangue e sconvolge la Valle di Comino e l'intera provincia. Ci chiediamo quante lacrime bisognerà versare ancora prima che si pensi concretamente al raddoppio di questa strada. Ai familiari, agli amici, alle comunità di Arnara e Fontechiari il cordoglio più commosso».