L'ultimo giovedì del mese di giugno trasformato in tragedia nella piccola contrada di Ripiano, a Monte San Giovanni Campano.
Giulio Evangelisti, 85 anni, è stato travolto e ucciso da una Fiat Bravo condotta da un cinquantenne, anche lui monticiano. Quest'ultimo è stato indagato per omicidio stradale. Aperto un fascicolo. Inoltre dagli accertamenti, subito avviati dai carabinieri intervenuti sul posto, sarebbe emerso che il cinquantenne fosse alla guida senza patente, poiché revocata da alcuni anni, con l'assicurazione scaduta e senza revisione. Il conducente del veicolo è stato sottoposto anche ai test di alcol e droga, i cui risultati dovrebbero arrivare a giorni. Il cinquantenne si è rivolto all'avvocato Alfredo Frasca per la sua difesa.

Oggi è stata è stata eseguita l'autopsia sul corpo di Evangelisti. I funerali saranno celebrati domani alle 15 all'abbazia di Casamari. Dolore e sconcerto di familiari e amici per quanto accaduto al loro caro nel pomeriggio dell'altro ieri sulla provinciale che collega Casamari e Monte San Giovanni Campano.
L'anziano stava tornando a casa quando è avvenuto l'incidente, intorno alle 18. Per lui non c'è stato nulla da fare. Ogni tentativo di soccorso è stato inutile. Troppo gravi le ferite riportate a seguito dell'impatto. Il corpo è stato sbalzato per diversi metri. Una scena agghiacciante apparsa ai primi soccorritori. Sul posto è arrivato il personale medico ma per il pensionato non c'è stato nulla da fare. L'uomo era molto conosciuto e stimato.

Sul posto sono intervenuti, inoltre, i carabinieri che hanno avviato tutti gli accertamenti del caso e i rilievi per stabilire la dinamica dell'investimento. Il tratto di strada è rimasto chiuso per più di tre ore e la circolazione è stata deviata con l'ausilio della protezione civile di Chiaiamari. La tragedia di ieri ha riportato alla ribalta la pericolosità del tratto di strada provinciale, che da tempo i residenti chiedono di mettere in sicurezza.