Il suo primo anno alla guida della città. Il sindaco Luca Di Stefano ha presentato all'Hotel Valentino il lavoro svolto e gli obiettivi raggiunti in quindici mesi di mandato amministrativo. E in tanti l'hanno applaudito. Di Stefano ha più volte ribadito l'importanza «di fare squadra» ringraziando la sua giunta, i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, con i quali ha operato per programmare e realizzare progetti e iniziative.

Ringraziamenti anche agli uffici comunali, ai tre dirigenti presenti in sala, alle associazioni, ai presidenti dei comitati di quartiere, ai dipendenti e alla dirigenza della società municipalizzata Ambiente e salute Srl. Il sindaco, supportato da immagini e video, ha ripercorso i suoi primi passi amministrativi sottolineando, anche sotto l'aspetto politico, «l'importanza di avere centrato due importanti obiettivi: un consigliere provinciale e la presidenza della Provincia di Frosinone». Di Stefano ha suddiviso il suo percorso in macro aree. Lunga riflessione su Sora città pulita e del verde. Ha parlato di oltre 330 interventi di pulizia effettuati da quando si è insediato, ha ringraziato «i percettori del reddito di cittadinanza che lavorano per mantenere puliti gli spazi».

Ha inoltre rivendicato di «aver restituito dignità ai lavoratori della società Ambiente e salute Srl», rimarcando la campagna di pulizia straordinaria del centro storico. E altre 35 zone della città verranno bonificate nel prossimo futuro grazie al consorzio di bonifica Conca di Sora e all'ufficio manutenzioni del Comune. «Tolleranza zero per chi sporca la città», ha ammonito il sindaco, ricordando poi i 500 alberi piantati. Con la macro area "Sora città dell'innovazione" il sindaco ha annunciato che «sorgerà vicino a via Cocorbito la prima stazione di ricarica ultraveloce per veicoli elettrici».

Grande spazio dedicato agli eventi realizzati. Una carrellata di immagini del Natale 2021, dell'Estate 2022 e delle manifestazioni tradizionali di Sora come l'Infiorata. Di Stefano si è mostrato entusiasta quando ha presentato il bilancio di "Sora città del Natale 2022". «È stato uno spettacolo e Sora ha avuto grande lustro». Il sociale, i lavori pubblici, i finanziamenti ottenuti con il Pnrr. Con questi temi il sindaco ha salutato la nutrita platea ricordando di aver provveduto al rifacimento di strade come via Compre Alte e via Cocorbito.

Ha parlato della videosorveglianza nel centro storico e in via Scocciaformiche e del nuovo asfalto steso in via Marsicana. Per l'ex Tomassi e per il cimitero, ha spiegato che è stato incaricato un legale per seguire le annose vicende. Presto i lavori in via Cellaro. E poi e le scuole: i cantieri ripartiranno a San Rocco e al palazzo degli studi Simoncelli.