L'avvicinarsi di Capodanno spinge molti cittadini di varie zone di Ferentino ad accendere petardi fragorosi e fuochi d'artificio, senza autorizzazione è presumibile.
Va ricordato che per l'accensione di tali artifizi è necessaria la denuncia alle forze dell'ordine e, comunque, dietro autorizzazione. Senza licenza non possono essere sparati fuochi artificiali. Ma chi controlla se coloro che accendono i fuochi d'artificio siano provvisti di regolare concessione? Mancano due giorni al nuovo anno e a Ferentino già rimbombano qua e là botti terrificanti e infuria la protesta.

Senza considerare i fuochi d'artificio che vengono sparati dai privati durante l'anno per festeggiare matrimoni, compleanni e feste varie.
Ed è paradossale, che in seguito alle proteste di qualche singolo, siano stati messi a tacere i fuochi d'artificio che venivano sparati da anni dal Comune, tradizionalmente, in occasione dei festeggiamenti patronali. In quel caso evidentemente qualcuno è intervenuto vietando i botti pirotecnici e per il resto? E' tutto ammesso a quanto pare. Ogni anno in occasione di Capodanno, in particolare, tanti sindaci italiani firmano specifiche ordinanze che vietano artifizi di qualunque genere. Iniziativa che viene condivisa dalla stragrande maggioranza dei cittadini, non soltanto per la sicurezza delle persone, ma anche per proteggere gli animali.

Per quanto riguarda Ferentino, mai è accaduto che un sindaco abbia preso provvedimenti del genere in occasione di Capodanno. E quest'anno è impossibile che ciò si verifichi, considerando che la città attualmente è senza primo cittadino, essendosi dimesso Antonio Pompeo. A meno che non mostri il pugno di ferro il vicesindaco Lucia Di Torrice, firmando l'ordinanza che vieti l'utilizzo dei petardi pericolosi e dei fuochi artificiali in questi giorni, a ridosso di Capodanno, 31 dicembre e primo gennaio compresi, per motivi di sicurezza.