Prosegue l'attività di vicinanza e sostegno dei carabinieri del Comando provinciale di Frosinone verso le persone anziane. Nel fine settimana, al centro sociale anziani di Collelavena, i militari della Stazione di Alatri hanno incontrato la popolazione più vulnerabile per informarla e tutelarla contro le truffe. Le truffe, in particolar modo quelle in danno degli anziani, rappresentano un atto vile e spregevole perché per questi soggetti deboli, spesso soli, i danni sono non solo di natura economica ma anche emotiva, con gravi ripercussioni sulla loro vita sociale e anche sulla salute. 

Sono state illustrate le principali tecniche e i raggiri usati dai malfattori per entrare nelle case, quali il fingersi nipoti delle vittime, appartenenti alle forze dell'ordine, avvocati o dipendenti di società che forniscono servizi di interesse pubblico; chiedono telefonicamente denaro per i familiari a loro dire in difficoltà. A volte simulano la consegna di finti pacchi commissionati da figli o nipoti per farsi consegnare denaro e gioielli. 

Presenti all'incontro l'assessore ai Servizi sociali del comune di Alatri, il presidente del centro sociale anziani e personale della polizia locale. L'appello lanciato dai carabinieri ai cittadini, in special modo agli anziani che vivono da soli, è quello di rivolgersi immediatamente alle forze di polizia al minimo sospetto di raggiro: Stazione carabinieri, o al 112 - numero unico di emergenza europeo – o alla polizia locale.

Importante è anche il dialogo in famiglia tra i più giovani e gli anziani, per favorire una reale sensibilizzazione preventiva sul tema delle truffe, che può essere potenziata proprio nell'ambiente domestico. I carabinieri oltre a proseguire nella campagna di informazione e sensibilizzazione, continuano a fornire il massimo impulso al contrasto a questo biasimevole ed odioso reato contro una categoria vulnerabile co- me quella degli anziani.