Creare una sinergia tra enti pubblici, associazioni e imprese per dare vita a un nuovo segmento economico che possa essere trainante e propulsivo per il territorio. Il neo eletto presidente della "Dmo Terra dei Cammini" Alfonso Testa racconta così gli obiettivi della nuova struttura nata qualche giorno fa a Piedimonte San Germano e che vede la presenza di 24 soci.
«La Dmo Terra dei cammini rappresenta una grande sfida per questo territorio - ha affermato il presidente Alfonso Testa - Quella che abbiamo davanti a noi è una grande opportunità perché si tratta della prima impresa locale che ha come finalità quella della destinazione turistica. Un obiettivo ambizioso che intendiamo portare avanti andando a creare una rete, una sinergia, tra enti pubblici, imprese e associazioni che rappresentano la linfa vitale di tutto il territorio.

L'obiettivo della Dmo è quello di incentivare l'economia locale attraverso appositi piani di sviluppo e, nel contempo, creare delle figure professionali in ambito turistico. Sono obiettivi importanti che possono creare quello sviluppo e quell'impulso di crescita sociale ed economica che spesso si è cercato. Sono sicuro che attraverso la giusta sinergia riusciremo a centrare il nostro obiettivo».

L'obiettivo della "Dmo Terra dei cammini" è quello di «promuovere il turismo nella parte meridionale dell'ambito che la Regione Lazio ha identificato come "Ciociaria", da Castrocielo a San Vittore del Lazio, fino al confine con il Molise. L'associazione cercherà di fare leva su tre attrattori territoriali specifici: l'ecomuseo archeologico, che di fatto esiste e va offerto nella sua interezza, il cammini religiosi e l'itinerario culturale europeo della Francigena del sud, che attraversa l'intero territorio, e infine il patrimonio storico che unisce il confino a Ventotene con le battaglie di Montecassino e si sviluppa lungo il gran percorso della memoria».

I soci
L'atto costitutivo della "Dmo Terra dei Cammini" è stato sottoscritto da ventiquattro soci.
Ad aderire al progetto sono stati 11 Comuni (Colle San Magno, Castrocielo, Roccasecca, Aquino, Piedimonte San Germano, Villa Santa Lucia, Pignataro Interamna, Vallerotonda, Sant'Elia Fiume Rapido, Terelle, San Vittore del Lazio), la XV Comunità Montana, gli istituti superiori "Carducci" e "Medaglia d'Oro" di Cassino, l'Università di Cassino e del Lazio Meridionale, le associazioni "Ti Accompagno", Pro loco di Piedimonte San Germano, i "Corvi di Giano" di Cassino, "Media Aetas" di San Vittore del Lazio, "cilam" ed "Eko orchestra". Ad aderire sono state anche le aziende di Teleuniverso, Ars srl, Impresa Insieme srl, Net Smart srl, Vivila Dmc srl e l'architetto Murro.

Al termine della sottoscrizione dell'atto tutti i soci hanno rivolto un ringraziamento al sindaco di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi che nel ruolo di comune proponente è riuscito a raggiungere l'obiettivo della costituzione della "Dmo Terra dei Cammini".
E proprio il primo cittadino ha voluto ringraziare tutti affermando di essere «fiducioso che, progressivamente, altri Comuni ed altri enti privati chiederanno di aggiungersi agli attuali associati aumentando la nostra capacità di gestione e di riconoscimento del nostro sistema turistico territoriale».

Il direttivo
Nel corso della seduta si è proceduto anche all'elezione del direttivo della Dmo che vede alla presidenza Alfonso Testa. Eletti gli altri sei membri del consiglio direttivo che sono: Maurizio Gabriele (presidente Seraf e presidente consiglio comunale di Aquino), Carmelo Geremia Palombo (associazione ciclisti Aciclam), Benedetto Murro (sindaco di Pignataro Interamna), Nadia Bucci (sindaco di San Vittore del Lazio), Fiorella Gazzellone (sindaco di Terelle), Antonio Magnapera (Teleuniverso). Confermata anche la disponibilità di Renato Di Gregorio a svolgere il ruolo di destination manager della nuova Dmo.