Conosce un uomo su Facebook e per diversi anni riesce a farsi dare tra i trecento e i cinquecento euro a settimana fino a estorcergli un totale di centonovantamila euro. Arrestata per estorsione e circonvenzione di persone incapaci una donna di quarantacinque anni. Nei giorni scorsi, ad Aquino, i carabinieri della locale stazione, in collaborazione con i colleghi dell'aliquota operativa di Pontecorvo, a termine di un'attività investigativa, hanno tratto in arresto la donna, casalinga e con qualche precedente di polizia, in flagranza di reato.

Stando a quanto emerso dall'attività di indagine, scaturita dalla denuncia presentata ai carabinieri da parte della vittima, un operaio cinquantenne di Aquino, la donna, approfittando del legame instaurato con lui, gli avrebbe estorto denaro a partire dal 2018. Da una ricostruzione della vicenda è emerso che la vittima, circa cinque anni fa, avrebbe iniziato a intrattenere un rapporto amicale con la presunta responsabile dei fatti.

In un primo momento, tra i due si era instaurato un rapporto di conoscenza che, mano a mano che diventava sempre più stretto, aveva indotto la donna ad approfittare della situazione e a chiedere all'uomo, con delle scuse, delle piccole somme di denaro per fare fronte ad alcune esigenze personali. Vista la disponibilità mostrata dalla vittima, l'indagata ne avrebbe approfittato facendo delle richieste sempre più insistenti fino a giungere a farsi dare, senza mai restituirle, somme di denaro, con cadenza settimanale, che andavano dai trecento ai cinquecento euro.

La situazione sarebbe degenerata sempre di più in quanto la vittima, sempre più preso dalla donna, avrebbe avuto con lei un incontro di natura sentimentale che si è trasformato, successivamente, in un vero e proprio boomerang. Infatti la quarantacinquenne, al fine di vincere le resistenze della vittima, che, stanca delle continue dazioni di denaro, non intendeva più elargirne, aveva minacciato di denunciarlo per violenza sessuale sia nei suoi confronti sia nei confronti delle figlie di lei. Ma le minacce non si erano solo esaurite con questo, in quanto l'arrestata, non riuscendo ad ottenere i soldi richiesti, aveva minacciato di morte sia la vittima sia la mamma di quest'ultimo, una pensionata che vive con lui, arrivando a dirgli che gli "avrebbe bruciato casa con chiunque dentro" e che avrebbe fatto "rinchiudere" l'anziana donna, ammalata, in una casa di cura.

Dai fatti esposti dalla vittima è anche emerso che lo stesso, per aderire alle richieste fatte dal suo carnefice, aveva acconsentito a darle anche la carta prepagata della madre, sulla quale le venivano versati i soldi della pensione, a loro volta prelevati, in più occasioni, dalla stessa indagata.  Il cinquantenne, quindi, non riuscendo più a sostenere tutta la situazione ed essendo stato ripulito di tutti i suoi risparmi, si è deciso di raccontare tutto ai militari nei minimi particolari, aggiungendo anche che la consegna dei soldi avveniva nel centro di Pontecorvo. A quel punto, il malcapitato, vessato nuovamente, fissava un incontro con la donna nei pressi di una attività commerciale ubicata nel territorio pontecorvese, ma, questa volta, ad osservare il tutto, c'erano anche i militari dell'Arma, precedentemente allertati dall'uomo. I carabinieri, appostati a poca distanza, hanno assistito all'incontro ed alla consegna del denaro, e, quando il tutto si era perfezionato, hanno bloccato la donna con indosso le banconote, poco prima fotocopiate, e l'hanno tratta in arresto, nella flagranza di reato, per il delitto di estorsione.  

La successiva perquisizione domiciliare alla quale veniva sottoposta l'indagata, consentiva di rinvenire due estratti conto promemoria relativi a due prelievi, di seicento euro ciascuno, dal libretto postale dell'anziana madre della vittima nonché un biglietto di carta recante PIN della carta prepagata di cui si era precedentemente impossessata. L'arrestata, in attesa del rito direttissimo, veniva sottoposta agli arresti domiciliari a disposizione dell'autorità giudiziaria.