Alla stazione di Frosinone i posti auto sono insufficienti. Un problema con cui purtroppo, ogni mattina, i pendolari devono fare i conti. L'utenza della stazione di Frosinone è alta. Poche corse dai paesi limitrofi che costringono i lavoratori fuori sede a preferire Frosinone. Negli anni i disagi per la mancanza di posti auto sono stati sempre all'ordine del giorno. Ma quest'anno il problema si è accentuato.

Dall'estate scorsa sono cominciati i lavori di riqualificazione della stazione ferroviaria, eliminando così il parcheggio di via Don Minzoni. Per rimediare a questo disagio l'amministrazione comunale ha inaugurato, il 2 giugno scorso, il nuovo parcheggio "Ex Frasca", lungo via Pierluigi da Palestrina. Un parcheggio però insufficiente, in quanto diversi posti auto vengono occupati dai residenti. Così, per non perdere il treno, in tanti sono costretti a lasciare la propria auto in divieto di sosta. E nei giorni scorsi sono apparse le prime multe. Sono diversi i pendolari che, al termine della giornata lavorativa, stanno trovando le sanzioni sulle proprie auto. Un problema che dovrà essere affrontato dall'amministrazione comunale il prima possibile.

Le proposte sul tavolo
Anselmo Pizzutelli, consigliere delegato allo Scalo, ha fatto sapere che sul tavolo ci sono diverse idee per creare nuove aree di sosta destinate ai pendolari. In esame c'è l'area adiacente alla scuola media "Luigi Pietrobono". «Da uno studio preliminare è emerso che, su quel terreno, si possono realizzare circa 120 posti auto – ha detto Pizzutelli – È fondamentale dare una risposta a tutti i pendolari che la mattina vanno a Roma per lavoro. La nostra intenzione è quella di acquisire questo terreno e realizzare un nuovo parcheggio». Inoltre, in fase di studio c'è anche l'area dietro alla stazione, davanti all'Agenzia delle Entrate. «Stiamo esaminando la natura di quel parcheggio e se possiamo dare vita a un comodato d'uso gratuito oppure a un affitto con il privato», ha continuato il consigliere. Il Comune, quindi, sta esaminando diverse proposte e se sarà possibile in qualche modo usufruire di questi spazi. Ma sotto la lente c'è pure un'altra area. Anche la struttura "Ex D'Itri", in via Pietro Mascagni di fronte all'ufficio postale, potrebbe essere utilizzata per la creazione di nuovi parcheggi. Insomma, le idee ci sono. Ma adesso si attende la presentazione dei progetti.