Due colpi nel giro di una settimana tra Sora e Castelliri. Nei giorni scorsi i ladri hanno preso di mira un appartamento di via Costantinopoli, nella città volsca, mentre nella notte tra giovedì e venerdì hanno tentato inutilmente di entrare nell'abitazione di un imprenditore di Castelliri. E sempre a Castelliri la scorsa settimana i malviventi hanno messo a segno un colpaccio rubando un'intera fucileria completa delle armi. I fucili erano ben riposti e serrati, come prevede la legge, ma i ladri, non si sa bene come, sono riusciti a portarli via. Immediata la denuncia del proprietario alle forze dell'ordine che hanno subito avviato le indagini per recuperare le armi e assicurare i ladri alla giustizia.

Intanto, verso le due della notte tra giovedì e venerdì scorsi, i soliti ignoti ci hanno riprovato tentando di entrare nell'abitazione di un noto imprenditore della zona. Erano in quattro, inquadrati dalle telecamere del sistema di videosorveglianza. Per salire al primo piano hanno utilizzato una scala che si trovava al piano terra, dove c'è l'attività di famiglia. Secondo alcune indiscrezioni, non confermate da fonti ufficiali, non sarebbero riusciti a entrare e avrebbero desistito dandosi alla fuga. Anche in questo caso i carabinieri indagano per risalite al gruppo criminale e per stabilire se vi siano collegamenti con gli altri furti.

A Castelliri non si parla d'altro mentre si diffonde un certo allarme. In molti non dormono sonni tranquilli e tra gli argomenti più gettonati in paese c'è come mettere a sicuro le proprie case con impianti di videosorveglianza per controllare i movimenti, sia di giorno che di notte. Qualcuno si spinge a chiedere l'installazione di telecamere anche all'uscita della superstrada, che offre una comoda e veloce via di fuga ai ladri. Dopo gli ultimi allarmi le forze dell'ordine hanno ulteriormente potenziato i controlli nell'intera area del Sorano proprio per scoraggiare nuove azioni criminali.