Botta e risposta tra il consigliere di minoranza Federico Altobelli e la società municipalizzata Ambiente e salute Srl. Il mese scorso, dai banchi dell'opposizione, il consigliere di Fratelli d'Italia aveva manifestato i suoi dubbi in merito ad alcune assunzioni: «Molti cittadini si chiedono come mai alcuni candidati delle liste in appoggio del sindaco oggi lavorano per la società Ambiente e salute Srl. Siamo sicuri che le procedure siano state seguite secondo legge? Perché in caso contrario la cosa, oltre ad essere moralmente inaccettabile, costituirebbe anche un grave reato da portare all'attenzione della Procura della Repubblica».

Nei giorni scorsi dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Sora è arrivata la risposta al consigliere di FdI via pec, ma per Altobelli il capitolo non è chiuso tanto che ha coinvolto il suo partito che si è riunito per analizzare il caso e cercare di saperne di più. "Il circolo cittadino di Sora di Fratelli d'Italia - si legge in una nota del partito - vista la risposta alla richiesta di informazione e all'accesso agli atti presentata dal nostro consigliere Federico Altobelli, propone di proseguire richiedendo alla partecipata le seguenti informazioni che non sono state fornite dalla società Ambiente e salute Srl, nonostante la specifica richiesta: conoscere il numero di lavoratori somministrati dall'aprile al settembre 2022; conoscere le motivazioni che hanno reso necessario utilizzare somministrazione di manodopera; le procedure per affidare a Openjob l'incarico. Il circolo, inoltre, affida il mandato al proprio consigliere di inoltrare una richiesta a Openjobs per conoscere le modalità di scelta dei lavoratori somministrati e le date di iscrizione degli stessi alla società Ambiente e salute Srl di somministrazione di manodopera". Dalla municipalizzata si dicono sereni e impegnati nel lavorare a testa bassa, fornendo risposte alla città in termini di servizi, e non replicano pubblicamente affermando di non voler alimentare strumentalizzazioni.