Si avvicina con l'auto a un uomo che era in strada, chiedendo se fosse la persona che stava aspettando. Ma non sapeva che in realtà fosse un carabiniere in borghese che insospettito dallo strano avvicinamento e in virtù delle diverse segnalazioni circa la presenza di un giovane che spacciava in zona, ha contattato i colleghi.
Il giovane, L.C. 22 anni di Alatri è stato rintracciato dai militari e sottoposto ai controlli. Dalla perquisizione veicolare sono stati trovati circa sei chili di hashish. Il ragazzo è stato arrestato e tradotto nel carcere di Velletri in attesa dell'interrogatorio che si terrà nei prossimi giorni alla presenza del suo avvocato Giampiero Vellucci.

La ricostruzione
L'arresto è scattato giovedì a Colleferro. Panetti di droga sono stati rinvenuti in uno zainetto, avvolti nella carta cellophane e nascosti in auto, dietro il sedile del lato passeggero. I panetti riportavano il logo "Glory of god". La sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro e per il giovane si sono aperte le porte del carcere in attesa di essere interrogato. L'alatrense è difeso dall'avvocato Vellucci.

Prosegue senza sosta l'azione di controllo dei carabinieri della Compagnia di Colleferro finalizzata alla prevenzione e alla repressione dei reati commessi nei luoghi di maggiore aggregazione sociale. Il bilancio delle ultime attività di controllo, a cui hanno preso parte i militari del Nucleo Radiomobile e dei Comandi Stazione dipendenti dalla Compagnia, è inoltre di un arresto, una denuncia e una persona segnalate per droga con il sequestro di 100 grammi di hashish. Sempre nel pomeriggio dell'altro ieri, a Colleferro, i carabinieri della locale Stazione nel corso di un controllo scattato nei confronti di un venticinquenne, hanno notato la sua eccessiva agitazione, circostanza che li ha insospettiti e indotti ad eseguire più accurate verifiche sul suo conto.
Durante la perquisizione, il giovane è stato trovato nella disponibilità di un panetto di hashish del peso di 100 grammi, motivo per cui il giovane è stato sottoposto ai domiciliari.