Era stato denunciato dalla polizia perché aveva attestato il falso nell'autodichiarazione prodotta in sede di accertamenti in pieno lockdown, quando era possibile uscire di casa soltanto per comprovate esigenze lavorative, di necessità e di lavoro. L'uomo, un trentasettenne di Frosinone, aveva dichiarato alle forze dell'ordine che lo avevano fermato e controllato ad un posto di blocco, di essere uscito per esigenze di salute del figlio. Ma dai controlli effettuati è emerso che l'uomo, aveva dichiarato, invece, il falso.

Il frusinate è stato quindi denunciato e finito a giudizio. Ieri è stato assolto dall'accusa, con la formula "perché il fatto non sussiste". Il suo avvocato Antonio Ceccani ha sostenuto la tesi relativa all'illegittimità dei decreti Covid, i Dpcm, e il fatto che automaticamente decade il presupposto del reato. Tra due settimane le motivazioni della sentenza.

I fatti
I fatti contestati risalgono al mese di aprile del 2020, quando tutta Italia era in zona rossa. E gli spostamenti erano consentiti soltanto per comprovate esigenze come da decreto del governo. Il frusinate, stando alle accuse, al momento del controllo sull'autocertificazione per l'emergenza Covid-19 ha motivato il suo spostamento per esigenze di salute del figlio. Una serie di falsità dichiarate agli operatori delle forze dell'ordine che hanno subito destato sospetto. Infatti dai controlli effettuati dagli investigatori, per accertare la veridicità delle dichiarazioni rilasciate dal trentasettenne, è emerso che non esisteva alcuna esigenza di salute del figlio dell'uomo. Quanto dichiarato non corrispondeva al vero. E pertanto nei suoi confronti è scattata la denuncia.

L'accusa
Il frusinate è finito così a giudizio con l'accusa di aver dichiarato in sede di accertamenti in pieno lockdown.
L'uomo si è rivolto all'avvocato Antonio Ceccani per la sua difesa. Il legale ha portato all'attenzione l'illegittimità dei Dpcm. Il suo assistito è stato assolto con la formula "perché il fatto non sussiste". Per le motivazioni della sentenza bisognerà attendere quindici giorni.