Attenzione massima agli stupefacenti. Il principale affare dei clan malavitosi secondo l'ultimo rapporto "mafie nel Lazio". Giovedì, non a caso, Frosinone è stata interessata da servizi straordinari di controllo del territorio, con il coordinamento del prefetto. Imponente il dispiegamento di uomini e mezzi, finalizzati a garantire maggiori livelli di sicurezza nelle zone ritenute più a rischio, con particolare attenzione ai reati in materia di stupefacenti. Non a caso, diverse le perquisizione effettuate nelle zone dove insistono le piazze di spaccio, dal Casermone a Selva Piana, da corso Lazio a via Bellini.

L'attività è stata svolta congiuntamente da polizia, carabinieri e guardia di finanza, con più di 150 uomini. Impiegati un elicottero del nucleo carabinieri di Pratica di Mare, unità cinofile di polizia e carabinieri, militari del nucleo mobile della Finanza, del nucleo investigativo dei carabinieri di Frosinone e personale della squadra mobile e delle volanti della questura, personale della polizia stradale e della Polfer, del Nas dei Carabinieri, militari delle compagnie carabinieri di Frosinone, Cassino, Pontecorvo, Sora, Alatri, Anagni e del nucleo ispettorato del lavoro, personale del reparto prevenzione crimine della polizia.

Identificate più di 500 persone, verificata la regolarità di oltre 300 veicoli, con 57 contravvenzioni al codice della Strada (decurtati 78 punti). Sequestrato un veicolo. A quattro automobilisti è stata ritirata la patente. Sono state svolte decine di perquisizioni personali, veicolari e domiciliari, nel corso delle quali è stata sequestrata complessivamente droga per oltre 600 grammi fra cocaina, hashish e marijuana. Segnalate 5 persone quali assuntori alla prefettura.

Nel mirino dei controlli anche le attività commerciali, con contravvenzioni per decine di migliaia di euro, in materia di disciplina del commercio e mancata emissione di scontrini fiscali e sanzioni per mancata sottoposizione a visita medica del personale dipendente. Per un negozio è stata contestata la mancata formazione dei dipendenti: sospesa l'attività.