Una graduatoria scorre e un'altra si apre. Dopo un ventennio di blocco pressoché totale, l'amministrazione comunale torna ad assumere nel tentativo di arginare l'ormai cronica carenza di organico. Così, dopo essersi assicurati tre nuovi impiegati e due tecnici vincitori dei rispettivi concorsi, il Comune cerca altri due funzionari da assegnare all'area tecnica. Per questo ha indetto un nuovo concorso per due posti di istruttore direttivo tecnico da inquadrare nella categoria giuridica D (posizione di accesso D1). Intanto gli uffici di Palazzo Antonelli hanno chiuso definitivamente il primo concorso, quello per tre istruttori amministrativi (categoria C), procedendo con la sostituzione di uno dei vincitori. Con Ludovica Franco e Simone Cestra, infatti, era stato proclamato vincitore (al primo posto della graduatoria finale) anche Alessandro Bottoni.

Quest'ultimo, però, ha presentato una dichiarazione di rinuncia formale all'assunzione lasciando campo libero alla quarta classificata, Maria Iannaccone, che dunque farà parte del tris di nuovi impiegati. A supportare il lavoro del settore tecnico comunale sono già stati designati Stefano Di Pofi ed Elena Papetti, i nuovi istruttori tecnici (categoria C) selezionati attraverso il secondo concorso. A loro presto si aggiungeranno i due funzionari che il Comune sta cercando e che risulteranno vincitori di questo ulteriore bando.

La determina firmata dalla responsabile del primo settore, Diana D'Amico, è del 19 ottobre. I posti disponibili sono due, uno con riserva per chi proviene dalle forze armate. Il contratto è a tempo pieno (36 ore settimanali) e indeterminato. L'inquadramento è nella categoria D (posizione di accesso D.1 del contratto nazionale funzioni locali). Per partecipare i candidati dovranno aver conseguito una laurea triennale o magistrale in materie come ingegneria, architettura, urbanistica o equipollenti. Il concorso, per soli esami, si articolerà in una prova scritta e una orale. Le domande vanno inviate via Pec al Comune entro il prossimo 11 dicembre.