Anche l'appalto per la riqualificazione e la rifunzionalizzazione dell'auditorium "Colapietro" ha concluso il iter. Nella giornata di ieri, l'uffico tecnico comunale, coordinato dall'assessore Angelo Retrosi, ha proceduto all'aggiudicazione definitiva della gara. Adesso la road map prevede la firma del contratto e la consegna dei lavori, che dovrebbe avvenire per la prossima settimana e, successivamente, partirà il cantiere della riqualificazione dell'auditorium "Colapietro", che sarà uno spazio polivalente, ma che, di fatto, diventerà il terzo teatro cittadino, di proprietà comunale, dopo il "Nestor" e il "delle Vittorie. La road map è, quindi, fissata.

Sarà la "Global srl" la ditta incaricata degli interventi sull'immobile di via Grappelli. Negli scorsi mesi, la seconda amministrazione Ottaviani, mediante l'assessorato ai lavori pubblici coordinato da Angelo Retrosi, aveva avviato le procedure di gara per un importo di 272.815,97 per la riqualificazione e l'adeguamento della struttura. Ora l'amministrazione Mastrangeli si occuperà di portare a compimento gli interventi.

Tanti gli obiettivi che si intende perseguire con il restyling i cui lavori dureranno 180 giorni: offrire alla cittadinanza il pieno uso di uno dei principali manufatti oggetto di attività sociali, culturali ed artistiche presenti sul territorio; adeguare la struttura alla vigente normativa in materia di antincendio e di sicurezza in generale; dotare l'Auditorium di strutture, dispositivi e dotazioni in grado di raggiungere un adeguato standard qualitativo; inserire l'Auditorium in un sistema di strutture in grado, attraverso iniziative programmatiche, di ridurre i fenomeni di marginalizzazione attraverso il coinvolgimento di soggetti individuati come sensibili; incrementare l'offerta artistica in modo da poter richiamare un numero sempre maggiore di utenti.
Il progetto tecnico prevede: il recupero dell'immobile con interventi mirati al ripristino ed al miglioramento degli elementi tecnologici; interventi finalizzati all'efficientamento energetico; opere volte alla risoluzione dei problemi derivanti da infiltrazioni, attraverso interventi sul sistema di captazione e smaltimento delle acque meteoriche; definizione degli spazi interni attraverso la realizzazione di una nuova distribuzione interna e realizzazione di una platea; opere di miglioramento acustico dei locali; adeguamento degli impianti elettrico, idrico, antincendio e di condizionamento; nuovi pavimentazioni, tinteggiature e rivestimenti interni ed esterni, arredi e dotazioni.

Come si evince dagli elaborati grafici, gli spazi interni saranno redistribuiti con una ridefinizione del palcoscenico, che misurerà circa 18 metri in larghezza e 8 in profondità; con la realizzazione di due camerini e dello spazio per la platea con quasi 160 poltroncine distribuite per file parallele in due settori con un corridoio centrale e una inclinazione tale da favore la migliore visione in qualsiasi punto.

L'Auditorium, collegato al complesso del Comprensivo IV, una volta destinato ad uso palestra, oggi si presenta come una grande sala principale dotata, seppur sottodimensionato, delle dotazioni minime in grado di consentirne l'uso per eventi di tipo culturale, artistico, politico ed altre iniziative di carattere sociale. Alla fine, l'area, proprio per le sue caratteristiche e per la sua rilevanza, potrà essere inserita in un circuito comprendente le emergenze sociali artistiche e culturali del territorio comunale. Inoltre, è interesse dell'amministrazione, attivare importanti sinergie volte al coinvolgimento di soggetti considerati sensibili, alla riduzione di fenomeni di marginalizazzione ed al favorimento dell'integrazione.
L'auditorium rimesso a nuovo sarà anche il giusto "palcoscenico" per una serie di eventi che potrebbero non trovare adeguato spazio nelle altre strutture culturali presenti sul territorio del capoluogo ciociaro.