Sarà la ditta molisana "NG Genio Civile srl" di Acquaviva d'Isernia (che ha vinto la concorrenza di altri cinque operatori) ad occuparsi dei lavori di messa in sicurezza di largo Turriziani nell'ambito del più ampio progetto di riqualificazione della zona dei "Piloni". Nella giornata di ieri sono state, infatti, aperte le buste con le offerte pervenute alla stazione unica appaltante e, sulla base delle risultanze, è stata effettuata la proposta di aggiudicazione. Adesso gli uffici tecnici procederanno alla verifica dei requisiti e dei documenti e, se non emergeranno anomalie, si darà seguito all'aggiudicazione definitiva.
Secondo la scheda di progetto, per il quale sono a disposizione circa 700.000 euro, si provvederà alla stabilizzazione del versante su cui si attesta largo Turriziani che, per la conformazione e le infiltrazioni d'acqua, necessita di una bonifica.

Al livello sotto strada, sulle pareti di fondo delle campate interne di via Alcide De Gasperi si riscontra la continua presenza di acque reflue maleodoranti dovute probabilmente a falle nella rete fognaria, probabilmente fratturata in corrispondenza dei cedimenti, che dalla parte alta della città confluisce ai collettori a valle. Sulle campate interne dei "Piloni" si riscontrano all'interno dei setti in muratura, che separano la parete rocciosa dalle infrastrutture murarie, il copioso e continuo scorrimento di acque meteoriche. Problemi cui si ovvierà con gli interventi che a breve partiranno.

In particolare si procederà: alla realizzazione di opere di regimazione delle acque meteoriche e di risorgiva; a opere di consolidamento di versanti, di setti murari di contenimento e di spalle del viadotto; alla verifica e all'integrazione del sistema drenante a monte di largo Turriziani; al recapito in fognatura delle acque convogliate a valle; alla sostituzione delle condutture dell'acquedotto obsolete; al recupero dei vani a valle praticamente interrati e alla ripavimentazione di largo Turriziani e di tratti di corso della Repubblica.
È prevista l'eliminazione del marciapiede dell'affaccio sui "Piloni" stessi, mentre la superficie di calpestio sotto il monumento dedicato alla memoria di Norberto Turriziani verrà resa omogenea, con una rivisitazione dello spazio tale da permettere la realizzazione di eventi all'interno del piccolo anfiteatro così ricavato.

La piazza sarà completamente pedonale, con dissuasori a scomparsa per permettere l'ingresso dei mezzi di soccorso o dei fornitori delle attività commerciali che insistono sull'area. L'area verrà ripavimentata con lastre in gres effetto pietra alternate ad una pavimentazione architettonica effetto ghiaia a vista, in calcestruzzo ed inerti locali, in grado di dare una finitura cromatica equivalente alla Pietra Tartara di Anagni.

La porzione in corrispondenza dell'Arco Campagiorni verrà ricucita con il basalto utilizzato nelle strade del centro storico in maniera tale da rimarcarne la piena continuità. Anche la viabilità cambierà: la sottostante via De Gasperi, attualmente a senso unico di marcia, verrà resa a doppio senso e sul largo Turriziani, come detto, verranno installati, da ambo i lati, dissuasori telescopici per consentire il transito, esclusivamente in orari prestabiliti, per il carico e lo scarico dei fornitori dei locali o per emergenze.

Una prospettiva nuova per tutta la zona che si candida fin da subito a diventare una delle zone più attrattive dell'intera provincia, grazie anche all'affaccio panoramico su tutta la valle del Sacco. Sulla base della stima effettuata dai tecnici, occorrerà circa un anno di lavoro per portare a compimento tutte le opere previste nel progetto.
Adesso gli uffici tecnici, coordinati dall'assessore ai lavori pubblici Angelo Retrosi, in sinergia con altri settori del Comune di Frosinone studieranno il cronoprogramma dei lavori di largo Turriziani e Piloni e si vedrà anche come disciplinare la viabilità, che sarà stravolta considerata la tipologia degli interventi che sarà effettuata.