Una iniziativa di solidarietà che promuove la cultura e la crescita dei futuri cittadini. Proprio a loro hanno pensato il dottore Francesco Poce e la sua famiglia.
Con i soldi dei tamponi dello screening che è stato promosso dall'amministrazione comunale lo scorso gennaio, la farmacia Poce ha deciso di acquistare il materiale per allestire un piccolo laboratorio di scienze per la scuola media di Colli.
Sono stati acquistati anche sei orti didattici per la scuola primaria e quella dell'infanzia. La consegna è prevista per l'inizio del mese di novembre.

«Oggi più che donare materiale per il laboratorio didattico di scienze abbiamo voluto seminare curiosità - ha sottolineato il dottore Poce al margine dell'iniziativa aggiungendo una frase di Plutarco "La mente non è un vaso da riempire, ma un fuoco da accendere". Buon anno scolastico a tutti i ragazzi».
Un grande gesto di solidarietà da parte di tutta la famiglia Poce.

La sorella del dottore, la dottoressa Giovanna Poce, professoressa associata alla facoltà di Farmacia dell'Universo Sapienza di Roma, ha procurato la vetreria per il laboratorio, mentre la moglie Sara Raponi, biologa, ha procurato il materiale per gli apparati del corpo umano.
Il grazie alla famiglia Poce per la lodevole iniziativa finalizzata, come detto, alla crescita delle future generazioni, puntando a investire per la loro cultura e il loro sapere.