Nella prima mattinata di oggi, nell'aula consiliare del Comune di Colleferro, il sindaco Pierluigi Sanna e il vicesindaco Giulio Calamita hanno voluto esprimere il riconoscimento nei confronti di due cittadini che, senza esitare, sono intervenuti per domare le fiamme che avevano avvolto alcune auto parcheggiate in Largo Biagio Della Rosa lo scorso 29 luglio. Si tratta dell'appuntato scelto dei carabinieri Gabriele Salemme e del Signor Paul Lenz, ai quali è stata consegnata una targa.

I fatti: intorno alle ore 15 dello scorso 29 luglio, in Largo Biagio della Rosa a Colleferro, tre auto parcheggiate a ridosso degli alberi sono state avvolte dal fuoco.
Un carabiniere in borghese libero dal servizio ed un privato cittadino, dopo aver chiamato i vigili del fuoco, intervenivano per spegnere l'incendio anche grazie alla bocchetta antincendio del vicino cinema Multisale Ariston.

Il loro intervento tempestivo ha evitato che le fiamme si propagassero, oltre le tre auto coinvolte, agli alberi sovrastanti. Nel frattempo giungevano sul posto la polizia locale, i carabinieri e i vigili del fuoco che hanno poi messo in sicurezza l'area. Nel giro di poche ore, i carabinieri del Nucleo Operativo di Colleferro, con il supporto immediato dei carabinieri delle Stazioni di Gavignano, Artena e Valmontone – dopo aver svolto i primi accertamenti e raccolto sul posto le preliminari informazioni – sono riusciti a concentrare le indagini su un trentenne di Roma e sul movente, di tipo passionale, che lo avrebbe spinto ad incendiare una delle auto con le fiamme che si sono poi propagate a quelle adiacenti.

Il capitano Vittorio Tommaso De Lisa, comandante della Compagnia dei carabinieri di Colleferro, ha voluto ringraziare l'amministrazione «per aver voluto organizzare questo evento che inorgoglisce tutta la comunità colleferrina. Ringrazio in particolare il sindaco – ha aggiunto - per le parole espresse nei confronti della Compagnia che mi onoro di rappresentare. Tutto questo ci sprona a metterci sempre più a disposizione del cittadino per offrire sempre maggiori standard di sicurezza. Ci tengo a sottolineare che Gabriele per il suo coraggio e per l'eccezionale dedizione al servizio si è già distinto anche in altre occasioni, come ad esempio per l'omicidio di Willy».