Il compagno la minacciava con una pistola di volerla uccidere. La donna, una 54enne, ha chiamato i carabinieri per una richiesta di aiuto. I militari della compagnia di Colleferro hanno arrestato un 48enne di Artena, gravemente indiziato per reati di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e porto abusivo di armi. 

Sul posto, in pochi minuti, sono arrivati i carabinieri della stazione di Artena unitamente ad un equipaggio dell'aliquota radiomobile di Colleferro che hanno bloccato l'uomo evitando il peggio per la donna, soccorsa dal personale del 118. Stando alla ricostruzione dei militari e alla denuncia della vittima: l'uomo in preda ad uno stato di alterazione psicofisica, dovuta all'abuso di bevande alcoliche, avrebbe aggredito la compagna, picchiandola con calci e pugni e poi l'avrebbe minacciata di morte con una pistola di cui si sarebbe disfatto, prima dell'intervento dei carabinieri, gettandola in un dirupo non molto distante dalla sua abitazione.

La donna è stata accompagnata al pronto soccorso dove le è stato riscontrato un trauma cranico. Nel maggio 2021, la Procura della Repubblica di Velletri, per analoghi episodi, aveva già richiesto per l'uomo una duplice ordinanza, di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa.  Provvedimenti che l'indagato, poco dopo, ha disatteso per cui il Tribunale di Velletri aveva disposto per lui la custodia cautelare in carcere e successivamente gli arresti domiciliari presso l'abitazione di un congiunto dell'uomo.

Una volta in libertà, il 48enne è finito di nuovo nei guai: questa volta i carabinieri lo hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e porto abusivo di armi. Sempre per maltrattamenti in famiglia, ieri mattina a Colleferro è stato arrestato dai carabinieri della locale compagnia un 50enne che per futili motivi ha aggredito la mamma, mandandola in ospedale con una prognosi riservata.