Era in auto insieme al marito. Forse rientravano a Ceccano. Ma a casa, in via Marano, Vincenzina Capoccetta, 62 anni, non ha mai fatto ritorno. È morta circa un'ora dopo l'arrivo in ospedale, a seguito di un incidente sull'asse attrezzato nel territorio di Ferentino, avvenuto alle 21.30.

A guidare l'altro veicolo coinvolto nell'incidente una quarantottenne di Alatri, risultata positiva all'alcol test e arrestata per omicidio stradale. Ferito il marito della vittima, anche lui sessantaduenne. L'uomo è stato trasportato all'ospedale "San Benedetto" di Alatri, dove i medici lo hanno giudicato guaribile in trenta giorni. La notizia della morte di Vincenzina si è diffusa nelle prime ore del mattino di ieri, destando tanto dolore e incredulità. Era un'infermiera molto conosciuta e stimata. Domani pomeriggio i funerali nella chiesa Santa Maria a Fiume a Ceccano.

La ricostruzione
L'ultimo venerdì del mese di agosto 2022 finito in tragedia sull'asse attrezzato, in direzione Frosinone. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, la quarantottenne era alla guida di una Lancia Ypsilon, mentre Vincenzina con il marito su una Jeep Suzuki Santana, quando è avvenuto il tamponamento. L'auto su cui viaggiava la coppia è stata sbalzata fuori dalla carreggiata finendo in una cunetta dopo essersi ribaltata. Sul posto il personale medico con le ambulanze per soccorrere i feriti. Quindi la corsa in ospedale. Vincenzina è stata trasportata allo "Spaziani" ma i tentativi di salvarla sono stati inutili. Troppo gravi le ferite. È morta poco dopo. Il marito, invece, è stato trasportato nella struttura ospedaliera di Alatri. Sul posto i carabinieri per i rilievi di rito e per stabilire l'esatta dinamica dell'accaduto.

Gli accertamenti
Dagli accertamenti è emerso che l'alatrense era alla guida con un tasso alcolemico superiore al limite imposto dalla legge. La donna è stata sottoposta all'alcol test che in entrambe le prove avrebbe accertato un tasso alcolemico oltre il doppio del consentito. Per questo la quarantottenne è stata arrestata dai carabinieri di Ferentino e accompagnata nella propria residenza, ai domiciliari, in attesa della decisione dell'autorità giudiziaria.

Il ricordo
Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia di Vincenzina. L'infermiera lascia il marito e due figli. Da tutti ricordata come una persona dal cuore grande, una brava collega, sempre cordiale e disponibile. Domani alle 15.30 l'ultimo saluto nella chiesa Santa Maria a Fiume.