Sabato scorso ha preso il via il Festival del teatro medievale e rinascimentale, l'evento culturale clou della città di Anagni, giunto alla ventinovesima edizione. Proporrà spettacoli fino al 27 agosto in piazza Innocenzo III, scenografia che bene si addice al tema della rassegna organizzata dal Comune di Anagni con la direzione artistica di Giacomo Zito.
Ad aprire il Festival è stato Simone Cristicchi con "Paradiso dalle tenebre alla luce", ieri sera è andato in scena "L'avaro" di Molière con Andrea Buscemi ed Eva Robin's.

Il prossimo appuntamento è per domani con "Falstaff e le allegre comari di Windsor", un capolavoro di William Shakespeare dove l'immortale personaggio è interpretato da Edoardo Siravo nella versione di Roberto Lerici.
«Protagonisti del Festival - spiegano gli organizzatori - saranno spettacoli in grado di raccontare la realtà che ci circonda con uno sguardo contemporaneo, attraverso le grandi opere del teatro medievale e rinascimentale o novità che si ispirano a queste epoche storiche».

E il direttore artistico Zito rileva: «Difendere e diffondere il principio di bellezza progetto sostenibile attraverso i linguaggi del teatro, della musica, della danza – oltre che dei moderni linguaggi multimediali – è il particolare obiettivo che ci siamo dati in occasione di questa edizione del Festival».
Durante la prima serata, il sindaco Daniele Natalia ha evidenziato la scelta qualitativa del cartellone, complimentandosi con l'assessore alla cultura Carlo Marino e con Giacomo Zito.

Gli ultimi tre spettacoli del Festival sono in programma giovedì, venerdì e sabato prossimi.
Giovedì Marco Simeoli e Francesca Nunzi saranno i protagonisti di "Shakespeare per attori anziani" per la regia di Claudio Insegno. Venerdì 26 agosto sul palco di piazza Innocenzo III salirà Giovanni Scifoni con l'one man show "Anche i santi hanno i brufoli". A chiudere il festival, sabato 27 agosto, sarà l'opera lirica di Giuseppe Verdi "Otello" diretta da Claudio Maria Micheli.