Tra fine agosto e i primi giorni di settembre dovrebbero partire i lavori per la realizzazione della rotatoria stradale all'ingresso nord, sulla Casilina, a Ferentino. Il ritardo del cantiere viene interpretato in città come un fatto misterioso, in quanto sembrava tutto pronto già alcuni mesi fa, invece si è giunti quasi a settembre e dei lavori non c'è traccia alcuna.

Qualche giorno fa però è arrivato il rassicurante «Ci siamo!» del sindaco Antonio Pompeo. Un suo messaggio sui social rinfranca tutti: «Rotatoria di Pontegrande: ci siamo! Tra pochi giorni inizieranno i lavori per la messa in sicurezza di uno degli accessi principali alla città, troppo spesso teatro di incidenti anche gravi e di pericolosi allagamenti. L'abbiamo definita una città cantiere non a caso – ha postato Pompeo -. I progetti sono buoni se si traducono in opere concrete: è quello che abbiamo fatto in tutti questi anni e che continueremo a fare fino alla fine».

È spuntato anche un banner nell'area che sarà interessata dai lavori, che annuncia l'importante progetto viario.
Effettivamente l'opera è di notevole importanza anzitutto ai fini della sicurezza stradale, non si dimenticano infatti i morti e feriti provocati dai tanti incidenti avvenuti in quel brutto e maledetto incrocio. È importante anche per la sua grande utilità, poiché dal nuovo rondò partirà anche una bretella che collegherà la Casilina al popoloso quartiere Tofe, evitando di attraversare il quartiere Pontegrande. Un altro intervento stradale indispensabile, che andrebbe fatto all'istante poiché sta procurando, già da tempo, molti disagi a migliaia di automobilisti ogni giorno, è quello riguardante la vecchia e dissestata rotatoria posta all'inizio dello stradone Asi, a poca distanza dal casello autostradale di Ferentino.