Giovane morto in casa nella notte di Ferragosto: il Pm, dottor Flavio Ricci, ha affidato l'incarico al medico legale Gabriele Margiotta per procedere all'esame autoptico che consentirà di stabilire le cause del decesso di Giuliano Fallone. Come è noto il ventinovenne lunedì scorso, intorno alla mezzanotte, ha accusato un malore, ha raggiunto i genitori a casa e poco dopo è deceduto, tanto che gli operatori del 118 nulla hanno potuto fare per strapparlo alla morte.

Gli inquirenti stanno indagando per ricostruire i movimenti del giovane prima della mezzanotte, gli eventuali contatti e gli spostamenti. I carabinieri della Compagnia di Pontecorvo, al comando dal capitano Bartolo Taglietti e del tenente Giovanni Fava, sono al lavoro in varie direzioni. Intanto San Giovanni Incarico, avvolto nel silenzio, si stringe intorno alla famiglia Fallone, in particolare alla mamma Roberta e al papà Danilo. Non ci sono parole di fronte a simili tragedie, episodi che addolorano tutti e feriscono ogni famiglia. Un giovane strappato alla vita segna l'intera comunità e infonde tristezza.

Il 16 agosto i sangiovannesi si sono risvegliati con la triste notizia: Giuliano si è sentito male intorno alla mezzanotte del 15 mentre era a casa sua, ha raggiunto i genitori nell'abitazione di fronte, lamentando pare difficoltà respiratorie, il tempo di chiamare i soccorsi e Giuliano è deceduto. Inutili le manovre di rianimazione e i tentativi di salvarlo, il ventinovenne non ce l'ha fatta.
Gli eventi in programma in paese per la sera del 16 agosto sono stati annullati dal sindaco. Da quanto è trapelato, l'esame autoptico potrebbe essere effettuato oggi, quindi verrà dato il nulla osta e la salma sarà restituita ai familiari per i funerali.

Intanto, su Facebook si susseguono i messaggi dedicati al giovane. Questi alcuni di quelli postati: «Buon viaggio Giuliano», si legge e poi: «Ci sono notizie che vorresti mai apprendere. Non doveva andare così». Dunque, tanti giovani del paese, il sindaco, gli amici di famiglia hanno espresso vicinanza ai genitori, rendendo l'estremo saluto virtuale al povero Giuliano.