Un'avventura che ha dell' inverosimile quella vissuta l'altra notte dal personale del Pronto Soccorso dell'ospedale "Santa Scolastica". Un signore campano di 39 anni, ma residente all'estero, è fuggito dal reparto di emergenza, dov'era in cura, e si è impossessato di un'ambulanza dell'Ares 118 per darsi alla fuga. Dopo aver percorso pochi metri, però si è schiantato prima contro il guardrail della rampa di accesso al Pronto Soccorso, per poi finire la sua corsa dentro gli arbusti. Immediato l'intervento dei carabinieri della Compagnia di Cassino, che hanno tratto in arresto l'uomo.

Il reato è stato tempestivamente segnalato al numero unico di emergenza 112, è stato consumato nella serata dell'11 agosto scorso, quando l'uomo con evidenti problemi di squilibro,, dopo aver eluso la sorveglianza dell'ospedale che lo deteneva in cura dal primo pomeriggio, approfittando di una distrazione dell'autista e del barelliere dell'ambulanza che erano entrati nel reparto per accompagnare un malato, e con un colpo di mano si è appropriato del mezzo, si cimentatandosi in una rocambolesca fuga durante la quale, dapprima ha danneggiato la ringhiera che delimita la rampa di accesso al pronto soccorso e successivamente alcune auto in sosta.

Il mezzo di soccorso è andato completamente distrutto, causando un danno enorme all'azienda regionale di emergenza, costretta così a trovare immediatamente un'ambulanza di riserva per non rallentare la macchina dei soccorsi in vista di altre emergenze. I militari, giunti velocemente sul posto, hanno fermato l'uomo evitando ulteriori pericoli per le numerose persone presenti.
Una notte, quella vissuta ieri, che sicuramente il personale del reparto non dimenticherà molto facilmente.