Tolti quelli sulla SS 699 Prossedi-Terracina ormai da dicembre (erano però spenti da ottobre 2021) sulla direttrice che da Frosinone e dai Lepini porta al mare, sono spuntati tre nuovi rilevatori della velocità. Le tre apparecchiature in questione sono in sequenza, a bordo carreggiata, su entrambi i lati, intorno al chilometro 20 della SS 156 dei Monti Lepini. Compongono un unico apparato di rilevamento voluto dal Comune di Prossedi.

Sono attive dallo scorso 13 luglio. Da quella data, così come annunciato dall'avviso pubblico sulla home page sito del Comune di Prossedi, è stato attivato dal personale della Polizia Locale prossedana il controllo elettronico della velocità media nel tratto di competenza territoriale sulla Strada Statale 156 dei Monti Lepini ovvero a cavallo del chilometro 20. E circa un chilometro, in entrambe le direzioni, ovvero da Frosinone verso Latina e da Latina verso Frosinone, è il tratto di strada monitorato dalle tre apparecchiatura che rilevano appunto la velocità media di percorrenza dei veicoli in transito, evidenziando eventuali passaggi al di sopra dei 90 chilometri orari.

La velocità consentita è quella prevista dal codice della strada per le strade extra urbane e nei prossimi giorni verrà specificato mediante apposizione di ulteriore segnaletica esplicativa. L'installazione arriva dopo un percorso lungo e ragionato, preceduto da rilevazioni con apparecchiatura mobile condotta dagli stessi agenti della Polizia Locale di Prossedi, intenzionati a verificare dal vivo come, proprio quel lungo rettilineo al confine tra le province di Latina e Frosinone, costituisca, specialmente in alcuni orari, una tentazione per tanti automobilisti e camionisti. A livello burocratico, l'incipit della procedura è arrivato a giugno 2020 con apposito atto della Giunta Comunale guidata dal Sindaco Angelo Pincivero. Gli eccessi di velocità riscontrati nelle fasi di studio, avvalorano le considerazioni espresse dalla stessa amministrazione di Prossedi, sul lato della sicurezza stradale.