Bisognerà aspettare l'autunno prima di vedere finalmente inaugurata la nuova versione di piazza Diamare, nel cuore della città martire. Per qualche settimana, infatti, gli operai della ditta appaltatrice che stanno portando avanti il cantiere nonostante le roventi temperature, si fermeranno per le ferie, per poi riprendere i lavori verso la fine di agosto. Il completamento del restyling dovrebbe avvenire, comunicano dall'amministrazione, verso la fine di settembre o, al massimo, entro il mese di ottobre. Salvo complicazioni, ovviamente.

Nelle ultime settimane, la riqualificazione è andata avanti a ritmo serrato, per recuperare i giorni persi a causa delle diverse bonifiche effettuate a seguito del ritrovamento degli ordigni bellici risalenti al bombardamento della città e mai rimosse precedentemente. Un passaggio, poi, è stato fatto anche per verificare la funzionalità dei sottoservizi, che versavano in condizioni piuttosto rovinose.
Altro step che sarà presto ultimato è la posa delle piante: venti in tutto. A fine giugno sono arrivate le prime cinque, e prima del break feriale saranno posate quelle mancanti.

«Si tratta di piante grandi e tutte della stessa età e della stessa grandezza – ha spiegato il sindaco Enzo Salera – in modo da armonizzare l'impianto arboreo della piazza. Verranno curate e potate in modo da gestire anche lo sviluppo delle radici che non andranno così a dare problemi ai sottoservizi e ai palazzi».
Il costo complessivo dell'opera - ricordiamo - ammonta a circa 600.000 euro, di cui 429.000 erogati dalla Regione Lazio e 171.000 provenienti dal bilancio comunale.

Per quanto riguarda, invece, la restante parte del grande e ambizioso progetto dell'amministrazione Salera, ovvero il restyling del corso della Repubblica e di piazza Labriola ci sarà da attendere ancora diversi mesi. Si tratta di due aree molto vaste dal punto di vista della metratura: rispettivamente 4.100 metri quadri la fascia del corso oggetto dei lavori; e oltre 8000 metri quadri piazza Labriola.

Il piano completo
Per proseguire con l'intervento, il Comune dovrà essere in grado di accumulare un finanziamento molto superiore a quello di piazza Diamare, se si pensa che quest'ultima è pari ad una grandezza di 2000 metri quadri circa. Per il corso della Repubblica si stima infatti un intervento di spesa pari a 1,1 milioni di euro, soldi che dovranno essere erogati dalla Regione Lazio; e di circa 3 milioni di euro per piazza Labriola.
Entro questa settimana l'amministrazione avrà il responso definitivo dalla Regione sul finanziamento dei lavori, per questo il sindaco e la giunta sono con il fiato sospeso.

Se la Regione stanzierà i fondi, si procederà quanto prima con la pubblicazione della gara d'appalto per procedere in maniera serrata con la riqualificazione. L'obiettivo è di concludere almeno le prime due fasi del progetto, piazza Diamare e il corso della Repubblica, entro il 2023.