Un brutto risveglio, quello di venerdì scorso, per un frusinate, proprietario di un cane ucciso senza alcuna pietà. Con una telefonata una dottoressa del servizio veterinario dell'Asl gli comunicava che era stato ritrovato l'animale ormai senza vita. All'interno del corpo aveva pallini di piombo per cui si presume che la causa del decesso sia per colpo di arma da fuoco. Il proprietario non ha potuto fare altro che presentare denuncia contro ignoti. È quanto accaduto in via Colle nella zona di Maniano alla periferia del capoluogo.

La ricostruzione
Il cane si era allontanato nella notte tra giovedì e venerdì. Al mattino il proprietario lo ha cercato ma, purtroppo, l'amico a quattro zampe era già morto. Poco dopo ha ricevuto la telefonata di un veterinario dell'Asl che comunicava il decesso dell'animale. Il frusinate ha sperato fino all'ultimo che la notizia non fosse vera, che ci fosse stato un errore di comunicazione, ma purtroppo ha avuto la conferma subito dopo, quando ha visto ormai la sua cagnolina senza vita. Il suo corpo era martoriato. A ucciderla colpi di arma da fuoco.

La denuncia
Come detto sono stati trovati pallini di piombo nel corpo. Il frusinate si è fatto forza e ha subito denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine, per non far rimanere impunito l'autore ignoto. Quanto accaduto è stato denunciato ai carabinieri forestali, per cercare di risalire al responsabile di un gesto condannato dalle tante persone che hanno appreso la notizia. Sembrerebbe che in quella zona, a Maniano, siano stati avvertiti, in diverse occasioni, colpi di arma da fuoco. Purtroppo proprio dei pallini di piombo hanno ucciso la cagnolina.