È un'Italia assediata dal caldo. E tra i 27 capoluoghi più bollenti c'è anche Frosinone per la quale il bollettino sulle ondate di calore emesso dal Ministero della Salute prevede due giornate (oggi e domani) di fuoco, da bollino rosso. Alle 8 la temperatura prevista sarà di 26 gradi e alle 14 di 36, mentre la temperatura massima percepita sarà di 37°. Secondo le previsioni, domani alle 8 sarà di 26, alle 14 di 37, mentre quella massima percepita sarò di 38°.

Proprio nei giorni scorsi l'Osservatorio Geofisico di Unimore ha sottolineato che l'estate 2022, inziata a maggio, è molto simile all'estate del 2003 il cui caldo venne definito "Hyperestremo". «Il nucleo più caldo della massa d'aria subtropicale al momento interessa i Paesi europei occidentali - osservano i metereologi di Meteo Expert - è allerta rossa in Francia e Gran Bretagna con picchi oltre i 40 gradi e possibili nuovi record». In Francia gli incendi hanno distrutto 14.000 ettari in Gironda; fiamme ed evacuazioni anche in Spagna, dove da quando è iniziata l'ondata di caldo il 10 luglio sono morte almeno 360 persone per cause legate alle alte temperature.

«L'anticiclone africano potrebbe purtroppo resistere sull'Italia fino alla fine del mese con massime estreme di 40-42°C e con notti tropicali fino a 24-27°C», sottolinea Lorenzo Tedici, meteorologo de ilMeteo.it. «La massa d'aria eccezionalmente calda dell'anticiclone africano viene sospinta direttamente sull'Italia a iniziare dal settore centro-settentrionale – aggiunge Meteo Expert – dove, anche a causa della siccità del suolo, nei prossimi giorni le temperature potrebbero raggiungere valori record. Questa ondata di caldo verrà ricordata non solo per la sua intensità, ma anche per la sua durata per cui è lecito domandarsi quando finirà, o almeno si attenuerà».

La risposta che danno i principali modelli lascia poche speranze: «Non prima di mercoledì-giovedì della settimana prossima – concludono gli esperti – in seguito potrebbe iniziare ad attenuarsi a partire dal Nord. Il condizionale è d'obbligo e comunque si tratterebbe solo di una attenuazione con passaggio da valori eccezionali con rischio di record a valori ancora sensibilmente sopra le medie».

Con la nuova ondata di caldo eccezionale gli esperti del ministero della Salute ricordano di evitare l'esposizione diretta al sole nelle ore più calde, di bere acqua e mangiare frutta fresca. E di proteggere i bambini e soprattutto gli anziani, il cui organismo ha una capacità ridotta di mantenere costanti alcuni parametri vitali. Il caldo e i cambiamenti climatici, infine, possono intensificare la formazione di tornado anche in Italia. Le ondate di calore, ricorda il ministero della Salute sul sito, si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione.

Queste condizioni climatiche, osserva il ministero, «possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione», in particolare per anziani, bimbi molto piccoli, donne in gravidanza e malati cronici. Secondo una ricerca del Cnr, le regioni che si affacciano sul Mar Tirreno sono più a rischio: il Lazio è al primo posto, seguito da Puglia e Calabria; ma c'è anche la Pianura Padana. Per questo, spiegano i ricercatori, serve «un sistema di monitoraggio per la previsione operativa di tali fenomeni intensi».