È allarme siccità a Frosinone, è già scattato il razionamento di acqua che viene sospesa tutti i giorni dalle 12 alle 18 e per l'intera giornata di mercoledì. La situazione è talmente critica che non si escludono ulteriori restrizioni nei prossimi giorni. A tutto questo si aggiunge il caro carburante e il caro energia, che ha fatto lievitare i costi per il gasolio necessario per il funzionamento delle pompe elettriche. Per far fronte alle problematiche delle aziende Coldiretti ha presentato al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali due emendamenti che prevedono l'estensione del credito di imposta anche al secondo trimestre 2022 e per le serre, oltre ad un sostegno per fronteggiare il caro carburante con i costi lievitati per l'acquisto del gasolio.

«Un aggravio di costi per i nostri agricoltori - spiega il presidente di Coldiretti Frosinone, Vinicio Savone - che quest'anno sono stati costretti anche ad anticipare le irrigazioni di 40 giorni per consentire la semina su terreni aridi. Una situazione che comporta un aggravio di costi per le aziende agricole che sono costrette ad utilizzare motori a pompe elettriche e dunque a consumare gasolio, in un momento in cui i costi per il caro carburante e il caro energia sono lievitati. Tutto questo sta portando sul lastrico le nostre aziende, già in difficoltà per la crisi economica determinata dalla pandemia e l'aumento dei costi delle materie prime».

La siccità ha portato a cambiare anche le scelte di coltivazione e preoccupa fortemente la riduzione delle rese di produzione delle coltivazioni in campo, come il grano che fa segnare quest'anno un calo del 15% delle raccolta. Sono in difficoltà anche le coltivazioni di girasole, mais, e gli altri cereali, oltre a quella dei foraggi per l'alimentazione degli animali e di ortaggi e frutta.