Numeri stabili nel quadro generale relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus. Nel bollettino giornaliero, emesso ieri dall'Asl di Frosinone, il numero dei nuovi positivi è stato identico a quello della rilevazione precedente: 160 (su 1.701 tamponi effettuati); 299, invece, i nuovi negativizzati; zero i decessi a referto, mentre sono 21 i ricoverati. Per quanto riguarda la distribuzione geografica dei casi, il primato di giornata è andato a Cassino con 23 nuove positività; a seguire Alatri 17, Frosinone 12, Anagni e Veroli 9, Ceccano e Piedimonte San Germano 8, Roccasecca 7, Monte San Giovanni Campano e Sora 6, Aquino 5, Ferentino e Paliano 4, Boville Ernica, Fontana Liri, Pofi e Pontecorvo 3, Arce, Arpino, Castrocielo, Fiuggi, Isola del Liri, San Donato Val di Comino, Sant'Elia Fiumerapido, Torrice e Villa Santa Lucia 2, Alvito, Atina, Broccostella, Castro dei Volsci, Ceprano, Cervaro, Giuliano di Ronma, Pico, Ripi, San Giorgio a Liri, San Giovanni Incarico e Serrone 1.

Il Lazio
Nella giornata di ieri, all'interno della regione Lazio, sono stati registrati 2.627 nuovi pazienti contagiati dall'infezione di Covid -19, 191 in più rispetto alla rilevazione precedente. Sono stati effettuati 22.489 test, di cui 6.876 molecolari e 15.613 antigenici, mentre il rapporto fra i tamponi effettuati e il numero di pazienti positivi si è attestato a 11,7%. Come ha comunicato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, le persone guarite sono stati 4.025, mentre i morti sono stati 5, 1 in più rispetto al dato precedente. Nella città di Roma i nuovi contagi sono stati 1.501, mentre nelle province si sono registrati 578 nuovi casi. La provincia peggiore (esclusa quella di Roma) per numero di nuovi casi è stata Latina con 226 poi Frosinone 160, Viterbo 122 e Rieti 70. In tutta la regione gli attuali casi positivi sono 129.727, mentre in isolamento domiciliare ci sono 129.069 persone. Nelle strutture ospedaliere, invece, si contano 619 pazienti nei reparti ordinari e 39 in terapia intensiva, proprio come nella giornata di ieri, mercoledì scorso. Dall'inizio della pandemia, le persone morte sono 11.313, mentre quelle guarite 1425.682 su un totale di 1566.722 casi esaminati. Al 25 maggio, in tutta Italia, sono stati 6,87 milioni le persone di età superiore a 5 anni che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino anti-Covid in Italia. Fra questi 2,86 milioni di guariti protetti solo temporaneamente. È il dato contenuto nell'ultimo report della Fondazione Gimbe sul monitoraggio della situazione Covid nel Paese. Quanto alle terze dosi, al 25 maggio ne sono state somministrate 39,5 milioni, con una media mobile a 7 giorni di 7.465 somministrazioni al giorno. In base alla platea ufficiale (47.703.593), aggiornata al 20 maggio, il tasso di copertura nazionale per le terze dosi è dell'82,9% con nette differenze regionali: dal 77,2% della Sicilia all'86,9% della Valle D'Aosta. Sono 8,16 milioni le persone che non hanno ancora ricevuto la dose booster, di cui 4,06 milioni possono riceverla subito (pari all'8,5% della platea con nette differenze regionali: dal 4,8% dell'Abruzzo al 12,6% della Sicilia).