Un'area con duecento posti auto, primo nucleo, di fatto, di quel grande progetto di riqualificazione del quartiere Scalo che cambierà il volto di un intero quartiere, facendolo diventare uno dei salotti buoni della città. Ieri pomeriggio, il sindaco Nicola Ottaviani, ha inaugurato il nuovo parcheggio dell'area ex Frasca. Con la realizzazione del parking, che fungerà da scambio intermodale per il traffico pubblico, privato e ferroviario, si è proceduto alla sistemazione di un'area abbandonata a sé stessa da circa 70 anni, mettendola al centro di un progetto di sviluppo economico, urbano ed extraurbano.

«Fino a qualche tempo fa, quando quest'area era piena di erbacce e rifiuti, pochi avrebbero scommesso che un Comune ne avrebbe cambiato il volto dal punto di vista della trasformazione urbana – ha dichiarato il primo cittadino Nicola Ottaviani - Abbiamo chiesto alla "Elco" di portare avanti una partnership con il Comune e con noi ha condiviso, quindi, l'attuazione del principio di restituzione sociale. Non sarà solo un parcheggio a servizio del lo Scalo, ma anche di accesso diretto alla stazione, utilizzando il sottopasso e gli ultimi binari utili». «Nell'ambito del restyling della stazione - ha proseguito il sindaco Ottaviani - questa area è stata completamente ristrutturata, dotata anche di una pista ciclabile per l'attraversamento in corso Lazio e la ricucitura del quartiere, secondo una visione autentica, votata ai criteri di sviluppo e riassetto del territorio.

Mediante un ponte in acciaio e legno pedonale sarà possibile entrare direttamente in quella che diventerà la nuova piazza Kambo, di stile rinascimentale, i cui lavori sono già iniziati da qualche giorno. Desidero ringraziare l'ingegnere Pietro Di Mascolo, il geometra Giulio Alonzi, insieme ai tecnici comunali, il dirigente, architetto Elio Noce, l'architetto Luca Faticanti, l'ingegnere Benito Caringi, l'ingegnere Domenico Urbano, il geometra Salvatore Cirillo, che profondono il proprio impegno ben oltre l'orario di lavoro, assumendosi grandi responsabilità e permettendo così all'ente di centrare gli obiettivi di efficienza della macchina amministrativa ed economicità». «Il nuovo parcheggio, che sarà aperto al pubblico da lunedì – ha continuato il sindaco – costituisce una opera parzialmente compensativa rispetto all'investimento che il privato sta conducendo sull'area ex Permaflex. In sinergia tra pubblico e privato, quindi, si realizza una infrastruttura per il territorio, nell'ottica dello sviluppo armonico e integrato sotto il profilo ambientale».

In coerenza con gli obblighi assunti nella convenzione sottoscritta con il Comune di Frosinone, la società "Elco" ha effettuato a proprio carico, per un investimento pari a circa 1 milione e 600.000 euro, gli interventi previsti per la realizzazione del parcheggio con annessa area di scambio tra gli autoveicoli, il trasporto pubblico locale e quello extraurbano. La nuova opera pubblica è ad uso di pendolari e viaggiatori, collegata tramite un ponte pedonale che attraversa i binari, andando a implementare anche gli standard urbanistici dell'intero quartiere. Il parcheggio nell'area ex Frasca è interamente di proprietà dell'amministrazione comunale e risponde in pieno agli standard più innovativi in materia di efficientamento energetico e riciclo.