Cantieri aperti, la città presto cambierà volto. Gli amministratori in realtà già lo sanno, ma la scoperta del risultato di tanto impegno sarà offerta ai cittadini in poco più di un mese. Martedì in piazza Diamare verranno prelevati (espiantati) gli alberi che poi saranno affidati a un vivaio che fornirà nuove piante e che tecnicamente si occuperà di rimettere in sesto i "malati". Per poi riportarli e riposizionarli a "cura" ultimata. Martedì stesso verranno eseguiti i primi scavi che serviranno per piantare le nuove piante.

Poi, entro fine mese, è prevista la prima gettata di cemento per iniziare a dare corpo alla pavimentazione. E sempre in un mese è prevista l'ultimazione della pista ciclabile, salvo imprevisti. Forte la soddisfazione espressa dal vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Francesco Carlino: «Una riqualificazione importante. Se ne parlava da trent'anni. Ora finalmente ci siamo: anche Cassino avrà un centro».

Le intenzioni dell'amministrazione Salera erano state messe subito in chiaro: prioritaria in tal senso la riqualificazione del centro urbano sia nella pavimentazione che nei sottoservizi (rete idrica, fognante, elettrica, fibra ottica). Attenzione posta pure sull'arredo urbano senza tralasciare la piantumazione. «Abbiamo cominciato da piazza Diamare, per poi proseguire sul corso e successivamente in piazza Labriola aveva già dichiarato Carlino Così abbiamo trovato le risorse per iniziare il primo step della nostra visione di valorizzazione del centro. Strada lungo la quale andremo avanti spediti».

Detto, fatto. Ma il centro non è l'unico obiettivo. La ciclabile entro un mese vedrà il suo completamento. Sul tavolo c'è poi pure la riqualificazione naturalistica del polmone verde della città la villa comunale così come il percorso ciclo-pedonale che collegherà la villa all'Hi storiale, il completamento dell'ex colonia solare, la riqualificazione dello stadio Salveti, la messa in sicurezza del teatro romano, il completamento del centro anziani di Fontanarosa e molto altro.