Scrofa allatta i suoi cinque cuccioli in pieno centro, si sposta tranquillamente in prossimità di via Campidoglio e poi scompare fra la vegetazione. Ieri l'ennesimo avvistamento in via Campidoglio, a ridosso del centro urbano, su un'area che proprio nei giorni scorsi è stata pulita, ma che è diventata ormai nota per la presenza di enormi cinghiali che all'ora di pranzo e in serata escono in cerca di cibo. Proseguendo sul terreno in direzione opposta alla strada si giunge al fiume, dove molto probabilmente sono stanziati i cinghiali. Si tratta di una famiglia composta dal maschio, dalla femmina e dai cinque cuccioli.

Generalmente è il maschio che esce dalla folta vegetazione e raggiunge via Campidoglio, ma ieri è arrivata anche la femmina, che candidamente si è distesa sul prato e ha iniziato ad allattare i suoi cuccioli.
Poi, forse disturbata dal rumore delle auto, si è nascosta tra il verde. La presenza della madre con i piccoli al seguito è tutt'altro che rassicurante, in quanto proprio la presenza dei cuccioli potrebbe scatenare una reazione incontrollata della scrofa, qualora dovesse percepire un pericolo per i suoi piccoli. Non è escluso che possa reagire anche attaccando l'uomo.

Il problema persiste e si fa sempre più preoccupante, anche perché gli ungulati si moltiplicano e le operazioni di cattura o abbattimento non riescono a contenere il proliferare dei cinghiali che vivono troppo vicini al centro. Raggiungono le case, devastano orti e giardini, attraversano le strade in corsa mettendo a rischio l'incolumità degli automobilisti. Insomma la convivenza è pericolosa, i cinghiali devono vivere in ambienti adeguati, lontani dai centri urbani e dalle zone abitate.

Ovviamente, si tratta di un problema non semplice, la che va affrontato e risolto. E se non basta l'eliminazione di oltre 70 esemplari con regolari battute di caccia, vuol dire che bisogna intervenire ulteriormente con azioni straordinarie. I cinghiali non sono animali domestici ed è anomalo che una scrofa allatti in pieno centro, come se fosse nel suo habitat. Sembra che l'ordine delle cose sia sovvertito e questo non garantisce la sicurezza.