"Prendersi cura e non solo curare la persona" è il leit motiv della Asl di Frosinone voluto fortemente dalla dg Pierpaola D'Alessandro ma anche innovazione e cultura grazie a un operato minuzioso in cui è riuscita a coinvolgere attorno a sé le più grandi associazioni del Lazio come ad esempio Ammuri Liberi, per aumentare il contatto diretto con il territorio. Le protagoniste indiscusse di ogni Evento Belly painting promosso dalla Asl in collaborazione con il S. Scolastica, Ammuri Liberi e gli artisti Marcello Russo e Ilaria Carnara sono proprio le future mamme e il loro pancione. L'evento si è svolto presso il reparto Ostetricia, erano presenti 20 donne con mariti e compagni. «È stato difficilissimo dover dire dei no a così tante future mamme» racconta Sandra Zarli del reparto Ostetricia e attivista di Alma Mater.

«Nei nostri eventi celebriamo la gravidanza, regaliamo il Belly Painting, raccontiamo quanti bellissimi e coinvolgenti ricordi si possono creare, come la belly photography, scatti immortalati e regalati alle mamme dai fotografi Francesco Torrice ed Eleonora Capitanio e spieghiamo quanto sia importante conservare un ricordo tangibile del pancione» spiegano dalla Asl. «Il dono più bello che una donna possa avere della propria gravidanza: è un ricordo del suo pancione - proseguono dall'azienda sanitaria - Noi creiamo gli eventi Belly Art proprio per presentare questa meravigliosa forma d'arte che in Italia ancora pochissime neo mamme conoscono, per prendersi cura di se stesse, migliorandone il percorso, instaurando un rapporto migliore con la struttura rendendo più umano ogni singolo passo».

Marcello Russo ha realizzato la prima opera della giornata e Sabrina Carlomusto è stata la prima mamma testimonial a cui è stato realizzato il primo Belly painting. «Ho visto molta emozione sui loro volti mentre illustravo il nostro lavoro insieme a Ilaria, molta partecipazione anche da parte dei papà e grande commozione durante la realizzazione delle opere» racconta Russo. «Questo è il Belly Painting voluto fortemente dalla D'Alessandro sempre attenta in ogni dettaglio a chiunque ruoti intorno alla sanità, una donna unica , che ci ha poi volute per realizzare questa splendida giornata» continua il personale del reparto di Ostetricia. Diverse le mamme in attesa del secondo figlio con i primogeniti attenti . Anche loro hanno voluto far parte del dise no che si stava creando sul pancione della mamma perciò… colore azzurro sulle mani e via. Piccole impronte sul pancione di mamma.

«Raccogliere immagini della gravidanza, del parto, dei neonati e piccoli video che aiutano nella creazione delle opere di Belly painting è una cosa che adoro. Mi piace osservare i volti dei presenti, la commozione e l'emozione. Questo mi rende felice perché vuol dire che il nostro lavoro arriva ai loro cuori. Un ricordo che rimarrà per sempre nel cuore delle persone è ciò che mi rende orgogliosa di avere uno studio» spiega Eleonora Capitanio.

Sempre presenti e con il sorriso le ostetriche, punti di riferimento ineguagliabili che accompagnano per nove mesi e anche di più: «Trascorrere gli intensi momenti del travaglio con chi hai creato un rapporto di amicizia è un dono». Un ringraziamento speciale da Ammuri Liberi alla Asl al direttore sanitario Mario Fabio, il direttore Uoc Paolo Petrucci e alle le ostetriche dell'ospedale Santa Scolastica. E le sorprese non finiscono, perché l'Asl insieme con Ammuri Liberi ha lanciato il progetto Muri Fantastici che porterà umanizzazione all'interno dei quattro presidi ospedalieri della provincia. Un progetto fortemente voluto dalla dg Pierpaola D'Alessandro e Marcello Russo.