La salma di Gabriele Mammone è stata riconsegnata ieri pomeriggio ai familiari dopo l'autopsia eseguita in mattinata all'ospedale Spaziani di Frosinone, un esame richiesto dalla Asl per far luce sulle cause che hanno causato la morte del quarantaseienne giovedì scorso all'ospedale Santissima Trinità di Sora. Ieri, dopo l'esame autoptico, la ditta incaricata di eseguire il servizio funebre, la "Ianni e Caira", ha trasferito la salma alla camera mortuaria dell'ospedale di Sora dove resterà esposta oggi dalle 8.30 alle 17.

 I familiari ringraziano quanti si uniranno al loro dolore nell'ultimo saluto all'indimenticabile Gabriele. La sua improvvisa morte ha lasciato un vuoto enorme in città, dove l'uomo era molto conosciuto, un apprezzato imprenditore che con la famiglia portava avanti la sua attività di vendita al dettaglio di pellet in viale San Domenico.

Un giorno triste quello di domani, quando la città lo saluterà per l'ultima volta tra le lacrime di quanti lo hanno conosciuto. Una persona solare, gran lavoratore, marito amorevole e papà presente, figlio adorabile.
Una morte che ha lasciato tutti attoniti e che cerca una risposta nell'esito dell'autopsia.