Cinque morti in 48 ore. La nuova settimana ha già fatto più decessi di tutta la precedente. Sul fronte dei contagi dopo la giornata di festa (l'altro ieri era 25 aprile) calano tamponi e positivi, 187, comunque più rispetto al post Pasquetta (97). E, infatti, l'incidenza cresce per il quinto giorno consecutivo e ritorna sui livelli di lunedì 18 aprile. Restano stabili a 62 i ricoverati.

La giornata
Dei 187 contagiati 18 sono ad Anagni, che bissa il primato di lunedì. Poi Veroli 13, Sora 12, Ceccano e Isola del Liri 9, Alatri, Boville Ernica e Pontecorvo 7, Castro dei Volsci, Giuliano di Roma e Morolo 6, Piedimonte San Germano e Ripi 5, Aquino, Arpino, Cassino e Fiuggi 5, Atina, Broccostella, Ferentino, Fontana Liri, Frosinone, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Picinisco e Villa Latina 3, Alvito, Amaseno, Belmonte Castello, Campoli Appennino, Castelliri, Rocca d'Arce e Sgurgola 2, Arce, Arnara, Casalvieri, Colfelice, Colle San Magno, Esperia, Fumone, Gallinaro, Patrica, Pescosolido, Piglio, Posta Fibreno, San Biagio Saracinisco, Sant'Elia Fiumerapido, Santopadre, Serrone, Supino, Torre Cajetani, Vallecorsa e Vicalvi 1.

I decessi
La Asl di Frosinone comunica altre due vittime per il Covid. Si tratta di una donna di 72 anni di Acuto e di un uomo di 88 anni di Anagni, entrambi con patologie pregresse. Con le tre di lunedì sono cinque in appena 48 ore, più delle quattro registrate nell'intera settimana precedente e una in meno rispetto a quella prima ancora.

L'andamento
La settimana si apre con 356 casi a 178 di media. Negli ultimi sette giorni, invece, i contagiati sono 3.530 a 504,28 di media. Rispetto ai sette giorni precedenti (2.872 a 410,28 di media) si registra un incremento del 22,91%, ma il dato risente dei numeri bassissimi post Pasqua e Pasquetta. Rispetto a 14 giorni prima (4.335 a 619,28 di media) la diminuzione è del 18,56%. A 21 giorni (5.045 e 720,71 di media) il decremento è del 30,02%. Ad aprile si contano ora 14.116 positivi a 542,92 di media. Con questo ritmo sarebbe il quarto mese di fila a finire oltre i 15.000 contagiati. A livello di media solo gennaio e marzo 2022 hanno fatto peggio.

Gli indicatori
Da cinque giorni a questa parte l'incidenza per 100.000 abitanti è tornata a salire, arrivando, con 740,04, sui livelli di una settimana prima. Si tratta del quarto giorno consecutivo oltre la soglia dei 700. Non capitava dal periodo 15-18 aprile. Si dimezza o quasi, invece, il tasso di positività. In appena 24 ore scende dal 20,78% all'11,83% portando così la media settimanale al 16,31%. Va detto che la precedente si era chiusa al 15,88% il minimo dall'inizio di marzo.

I ricoverati e i guariti
Sono stabili a 62 i ricoverati. Peraltro, si tratta del dato più alto dai 63 del 19 aprile. Sempre zero i ricoverati in terapia intensiva. I negativizzati aumentano di 431 unità e tornano a essere più dei nuovi positivi. In due giorni sono 564. Un dato decisamente più basso di quello delle due precedenti settimane, archiviate intorno a quota 4.700.

I tamponi
Sono 2.393 i tamponi processati da lunedì. Nelle ultime settimane si sono aggirati intorno ai 21.000.