Pulizia, manutenzione, piccoli interventi di verniciatura. Sono le attività assicurate dai percettori del reddito di cittadinanza impiegati dal Comune, che lavorano di concerto con la squadra di manutenzione dell'ente. Risorse professionali importanti che stanno arricchendo il settore manutenzione assicurando un contributo fondamentale in quanto possono essere destinate a piccoli lavori che altrimenti, non essendo prioritari, sarebbero inevitabilmente trascurati in considerazione della grande mole di lavoro che bisogna effettuare e che il personale in servizio non si riesce a garantire.

La manovra di riequilibrio in atto al Comune, fra l'altro, non consente assunzioni, dunque non è possibile occupare i posti liberatisi con i pensionamenti che hanno determinato il decremento delle unità lavorative. «Lavorano con impegno le tredici unità che percepiscono il reddito di cittadinanza e che sono impegnate in opere di pubblica utilità - dichiara il consigliere Dino Fortuna - Oltre alla verniciatura si stanno dedicando alla pulizia di strade e aree verdi ed alla manutenzione del cimitero, assicurando un valido contributo alla cura del territorio affiancati ovviamente dagli operai del Comune e valorizzati in termini professionali. I lavoratori sono stati infatti inseriti in programmi personalizzati elaborati sulla base delle loro attitudini ed abilità operative. Stanno contribuendo al mantenimento della pulizia e del decoro della città sia in centro che nelle aree periferiche. Insomma, progetti di successo e risultati importanti sul piano operativo e della valorizzazione delle risorse umane».

I progetti in atto sono stati ben articolati e pianificati prestando attenzione alle risorse lavorative disponibili. L'esame delle loro abilità ha consentito di inserirli nel settore della manutenzione degli arredi urbani e dei parchi pubblici, oltre ad occuparli nella cura del decoro del cimitero comunale e degli spazi verdi. A fine maggio sarà inserito un nuovo gruppo di percettori del reddito di cittadinanza, entro la fine dell'anno ruoteranno circa trenta unità impiegate nei progetti appositamente articolati.