L'amministrazione Di Stefano guarda allo sviluppo futuro della città con il programma triennale dei lavori pubblici 2022/2024. Il sindaco non ha voluto affidare a nessun membro della sua squadra l'importante delega che continua a gestire in prima persona. Nel quadro delle risorse necessarie per realizzare il programma si arriva a un totale di oltre 69.081.080 euro, ripartiti in interventi nei tre anni così suddivisi: primo anno 9.135.352 euro, il secondo anno 39.320.828 euro e l'ultimo anno 20.624.899 euro.

Per l'amministrazione non si tratta di un libro dei sogni, ma di interventi concreti quanto necessari per la sicurezza della città, per far crescere l'offerta e migliorare Sora sotto tanti aspetti, con la messa in sicurezza degli edifici scolastici e interventi per le criticità idrogeologiche del territorio. E così emerge che per il secondo anno sono in programma 500.000 euro per la manutenzione straordinaria di marciapiedi e la viabilità urbana nella zona di piazza Indipendenza. E poi lavori di completamento di via Cellaro previsti nel primo anno per un ammontare di 170.000 euro.

Una strada, via Cellaro, per la quale i cittadini aspettano da anni marciapiedi e interventi migliorativi e non soluzioni tampone, data la pericolosità dell'arteria che purtroppo è state spesso teatro di incidenti stradali anche mortali. Tra gli interventi programmati anche quelli al castello di San Casto e Cassio, l'ampliamento della pista ciclabile, lavori nelle scuole, la rimozione dell'amianto dalla copertura della palestra della scuola "Achille Lauri" per 151.929 euro nel secondo anno.

E ancora la realizzazione di un nuovo asilo comunale in via La Pietra, sempre nel secondo anno, per 700.000 euro e un progetto pilota per la realizzazione di un mercato coperto ecosostenibile in zona Pontrinio. Infine la ristrutturazione del palazzo comunale, interventi sui due ponti lamellari di San Domenico e San Rocco e la scuola progettata dall'architetto Renzo Piano con i lotti A, B e C spalmati sulle tre annualità.