Per il programma mensile di cura del verde urbano si parte dal centro. L'assessore delegato alla Manutenzione, Floriano Bertoni, d'accordo con il responsabile del settore comunale, ha stilato un'articolata pianificazione degli interventi di pulizia e manutenzione del verde urbano.

Infatti, i lavori sono stati già avviati a partire dal centro e proseguiranno verso la periferia. Il programma è ben dettagliato anche negli orari, in modo che ogni intervento venga svolto con puntualità e precisione. La squadra degli operai, affiancata dai lavoratori impiegati per il reddito di cittadinanza, ha iniziato dalle strade prossime al plesso scolastico "Capoluogo". In particolare da corso della Repubblica, via Celletti, via Bixio, via La Marmora e via Mazzini.

Le attività di pulizia proseguiranno su via Aldo Moro fino ad arrivare al termine di questa settimana in piazza San Francesco. La settimana successiva sono previsti interventi nella villa comunale, a Ponte Canale, al parco della Vignola, nelle zona cimitero e San Rocco, alla Torre, alle scuole e al parco di via Padre Domenico passionista. Il programma proseguirà verso Chiusa Grande e Campo Uccelli e l'ultima settimana in via della Stazione e parco dello Scalo.

«Come ogni anno abbiamo stilato un programma di manutenzione del verde pubblico e delle strade. Già da oltre una settimana abbiamo avviato i lavori - spiega Floriano Bertoni - Siamo partiti dal centro e ci sposteremo nell'arco delle prossime settimane verso la zona periferica dello Scalo, che rappresenta uno dei punti principali di accesso alla città. Ma è nostra intenzione proseguire verso le aree decentrate con l'attività di cura del verde, taglio dell'erba e pulizia. C'è tanto da fare, non lo nego, soprattutto in periferia. Tanto che presto metteremo in azione la trincia e proseguiremo con interventi importanti nelle zone di campagna».

L'assessore conclude e rassicura: «Le nostre attenzioni sono massime, ovviamente siamo partiti dalle aree centrali che sono quelle più frequentate e in cui vengono accolti visitatori e passanti, ma non trascureremo la periferia i cui abitanti ovviamente meritano analoghe attenzioni».