E' scomparso improvvisamente Marco Coviello, noto ristoratore di Scauri, deceduto per un malore mentre stava percorrendo l'autostrada Napoli Roma, insieme alla moglie. La notizia ieri si è sparsa rapidamente in città, dove Marco, che aveva cinquantacinque anni, era molto conosciuto. Il suo locale, L'Anfora, è uno dei più rinomati della zona, per la bontà dei suoi caratteristici piatti. Ieri, giorno di chiusura per riposo settimanale, il ristoratore, insieme alla moglie, aveva deciso di trascorrere un pomeriggio diverso, recandosi all'outlet di Valmontone, ma un tragico destino lo attendeva.

Aveva imboccato l'autostrada A1 alla guida della sua Lancia Musa, quando giunto nel tratto compreso tra Anagni e Ferentino, ha accusato un malore. Ha capito subito la gravità di quanto stava accadendo ed ha avuto la prontezza e la lucidità di dirigere la macchina sulla corsia di emergenza, dove ha arrestato il veicolo, prima di perdere conoscenza, davanti alla moglie, che invano ha chiesto aiuto. Per l'uomo non c'era più nulla da fare e i sanitari intervenuti non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso, avvenuto probabilmente per un arresto cardiaco.

Una giornata che doveva essere trascorsa all'insegna dello shopping e della distrazione, si è trasformata in una tragedia. La notizia è subito giunta a Scauri, località dove il noto ristoratore lavorava ed abitava. Incredulità e commozione tra tutti coloro che conoscevano Marco, ma anche tra coloro che avevano degustato i manicaretti cucinati nel suo locale di via del Golfo. Spesso si era reso disponibile a partecipare ad iniziative di carattere gastronomico, un settore che lo aveva "incoronato" tra i migliori ristoratori del golfo di Gaeta. Le esequie funebri potrebbero tenersi già domani.