Documentazione acquista sia al Comune di Cervaro che alla centrale unica di Committenza di Sant'Elia.
Un investigatore ha ricostruito ieri in aula, per il processo "Malaffare", alcuni passaggi dell'inchiesta aperta, lo ricordiamo, su un'ipotesi di corruzione e turbativa d'asta a carico di alcuni amministratori del Comune di Cervaro e imprenditori (l'ex sindaco di Cervaro, Angelo D'Aliesio, gli ex assessori Gino Canale e Vincenzo Ricciardelli, insieme all'ex capo dell'ufficio tecnico Enzo Pucci, all'imprenditore verolano Alfredo Coratti eal dipendente Massimo Di Camillo).

Proprio sulla utilizzabilità delle intercettazioni telefoniche si era già discusso a lungo nella prima parte del delicato procedimento. Anche nella precedente udienza, le difese degli imputati (gli avvocati Salera, Marandola, Di Mascio, D'Alessandro, Vellucci e De Vivo) si sono concentrate principalmente sulle attività di indagine e sulle intercettazioni, nodo dell'intero costrutto accusatorio. Ora si torna in aula il prossimo 7 aprile per ascoltare il presidente e uno dei membri della commissione di gara.