Ha provato a evitare il controllo dei carabinieri. Li ha visti in lontananza, ha girato e ha parcheggiato davanti a un negozio sperando forse che i militari dell'Arma di lì a poco sarebbero andati via. Ma i carabinieri hanno notato la repentina manovra dell'uomo e hanno capito che qualcosa non andava. Così lo hanno raggiunto.
E dalla successiva perquisizione è spuntata fuori la droga.

Il pusher, un frusinate di 65 anni già noto alle forze dell'ordine per reati legati allo spaccio di stupefacenti, è stato sorpreso durante uno dei consueti controlli stradali messi in campo dai carabinieri delle stazioni di Ceccano e Giuliano di Roma lungo la provinciale via per Frosinone.

I militari, dopo aver notato la manovra sospetta dell'auto condotta dal sessantacinquenne, hanno raggiunto il parcheggio in cui si era fermato e hanno proceduto al controllo dei documenti.

Considerati i precedenti a carico dell'uomo emersi dalla consultazione della banca dati, lo hanno sottoposto alla perquisizione personale e a quella veicolare, rinvenendo in una intercapedine della vettura quattordici dosi di cocaina già confezionate, per un peso complessivo di oltre cinque grammi. La droga è stata subito posta sotto sequestro mentre l'uomo è stato arrestato. Così il sessantacinquenne frusinate è comparso davanti al giudice del tribunale di Frosinone che ha convalidato l'arresto, disponendo per lui la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa del processo che lo vedrà imputato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.