Fari puntati in consiglio sulle criticità del S. Scolastica. A sollevare la questione in aula è il consigliere Luca Fardelli che chiede l'interessamento del primo cittadino presso le sedi opportune. Il sindaco ha però chiarito che non ne era a conoscenza e si sarebbe attivato.

«Il nosocomio cassinate continua a destare preoccupazione in quanto sembra non godere di buona salute - evidenzia Fardelli - a destare attenzione è la preoccupante situazione in cui versa il reparto di Ortopedia rimasto con solo 3 medici in servizio oltre il primario». La grave situazione è stata portata all'attenzione del sindaco e del consiglio comunale nel corso dell'assise di giovedì.

«A pochi mesi dalla perdita della struttura complessa di Pediatria e Neonatologia a favore dell'ospedale di Sora il nosocomio cassinate rischia di vedere ancora una volta ridimensionata l'offerta di cure a favore dei pazienti del nostro territorio. Non è possibile che un reparto come quello di Ortopedia chiamato a rispondere alle esigenze di in intero territorio e a fare fronte alle urgenze dovute ai frequenti incidenti che purtroppo avvengono sull'arteria autostradale e sul tratto della superstrada veloce che va da Ausonia ad Atina possa non poter offrire la dovuta assistenza per carenza di medici».

«Voglio ringraziare pubblicamente i professionisti in servizio, a partire dal primario dottor Dalla Vedova - aggiunge il consigliere Fardelli - unitamente agli altri 3 dirigenti in servizio per l'abnegazione e il sacrificio che giornalmente profondono e che non può durare a lungo. C'è bisogno di un intervento immediato e duraturo affinché il diritto alla salute venga tutelato. Spero in un intervento fattivo da parte di tutta l'amministrazione comunale di Cassino insieme a una forte presa di posizione delle altre amministrazioni del circondario, un grido di allarme che sicuramente verrà accolto dalla dirigenza aziendale molto attiva e presente sul territorio cassinate».