Altri quattro morti per Covid e casi che scendono del 22% rispetto alla passata settimana. I nuovi positivi sono 664, il minimo, esclusi i dati dei giorni post festivi, da fine dicembre. Scendono ancora l'incidenza e i ricoverati. Mentre, complice la riduzione del numero di tamponi si rialza il taso di positività, al 14,16%.

La giornata
Dei 664 nuovi casi, Alatri ne ha 59, poi Cassino a 58, Frosinone a 51, Sora a 43, Ferentino a 41, Anagni a 38, Ceccano a 37, Ceprano e Veroli a 28, Fiuggi a 18, Pofi a 13, Monte San Giovanni Campano a 12, Aquino, Arpino e Boville Ernica a 11, Fontechiari, Isola del Liri e Piedimonte San Germano a 9, Sant'Elia Fiumerapido a 8, Arce, Paliano, Pontecorvo, Ripi, Roccasecca e San Giorgio a Liri a 7, Cervaro, Pignataro Interamna e San Giovanni Incarico a 6, Acuto, Broccostella, Giuliano di Roma, Patrica, Supino, Villa Santa Lucia e Villa Santo Stefano a 5, Amaseno, Castelliri, Morolo, Sant'Apollinare e Strangolagalli a 4, Arnara, Castro dei Volsci, Castrocielo e Pescosolido a 3, Alvito, Ausonia, Campoli Appennino, Casalvieri, Esperia, Fumone, Monte San Giovanni Campano, Pico, Piglio, Sant'Ambrogio sul Garigliano, Torrice e Trivigliano a 2, Acquafondata, Casalattico, Falvaterra, Fontana Liri, Gallinaro, Guarcino, Picinisco, San Donato Val di Comino, San Vittore del Lazio, Sant'An drea del Garigliano, Santopadre, Serrone, Terelle, Trevi nel Lazio, Vallecorsa, Vallerotonda, Vicalvi, Vico nel Lazio e Villa Latina a 1.

I decessi
Sono quattro gli ultimi morti per Covid in Ciociaria.
Si tratta di tre donne, rispettivamente di 74 anni di Castrocielo, di 72 di Paliano e di 85 di Frosinone e di un uomo di 83 anni di Supino. Tutti con patologie pregresse. Le vittime di questa settimana sono sette, due in più rispetto a quelle delle passata, sempre al mercoledì. L'ultima, infatti, si era chiusa con 12 decessi contro gli 11 del periodo 24-30 gennaio. A febbraio, peraltro, sono già morte 16 persone, nel 2022 sono 60.

Gli indicatori
Si conferma il trend dell'incidenza per 100.000 abitanti.
Sono 9 giorni che scende consecutivamente fino a toccare, ieri, i 1.035,01. Quest'ultimo è il valore minimo dopo i 1.003,98 del primo dell'anno. Una discesa lenta ma che segna un distacco rispetto alla punta di 1.301,89, record della pandemia raggiunto il 28 gennaio.

DA NON PERDERE!

Tutti gli approfondimenti su questo argomento sono disponibili nell'edizione odierna, in edicola o nella versione digitale di Ciociaria Oggi.

EDICOLA DIGITALE: Approfitta dell'offerta, un mese a soli € 0.99