Da anni, ormai dieci, i cittadini della zona del Crocifisso, attendono l'entrata in funzione della rete fognaria. Attesa che ha portato inevitabili disagi per i residenti. Per questo hanno contattato il tg satirico "Striscia la notizia" per raccontare quanto sono costretti a vivere ormai da tempo. E ieri mattina, in loro aiuto, è arrivato Jimmy Ghione. Ad attendere l'inviato c'erano diversi residenti insieme al loro portavoce, il giornalista Egidio Cerelli, anche lui residente nella zona verolana. Cittadini che hanno raccontato a Ghione l'odissea iniziata il 1 marzo 2012. Si attendeva il funzionamento della rete fognaria, ma da allora ancora nulla.

Tutto fermo. E gravi i disagi per loro, alcuni costretti a chiamare imprese e ditte autospurgo e a fare i conti con la spesa annuale che oscilla tra 1200-2000 euro.
Jimmy Ghione, dopo l'incontro con i residenti, ha raggiunto il palazzo comunale dove è stato ricevuto dal sindaco della città di Veroli, Simone Cretaro. Il servizio sarà mandato in onda prossimamente su Canale 5 e si conoscerà anche la risposta che il primo cittadino avrà dato davanti alle telecamere di "Striscia la notizia".

«È stato necessario chiamare "Striscia la notizia" sottolinea il collega Cerelli in particolare Jimmy Ghione, perché c'era una sorta di "scaricabarile" tra i vari enti interessati alla realizzazione e al funzionamento della rete fognaria dell'hinterland della zona del Crocifisso che accomuna cinque, sei contrade».