Niente da fare. Si continua. Senza alcun limite. Le piazzole di sosta della superstrada Sora-Ferentino continuano ad essere il "deposito" di rifiuti abbandonati dai soliti incivili. In bella vista in alcuni punti sono tornate le buste e sacchi pieni di rifiuti, carta, plastica.

Gli addetti ai lavori ripuliscono, tolgono il materiale abbandonato. Ma la cattiva abitudine di gettare i rifiuti si conferma un fenomeno a cui è difficile porre fine.
L'unica zona "salva" è quella dove è installata la telecamera, nel tratto di Alatri in direzione Ferentino.
Una iniziativa che ha permesso da subito di filmare uno degli incivili, poco dopo l'installazione a inizio dello scorso anno. Telecamera fatta installare grazie a un accordo tra Comune di Alatri e Anas.

Ma nella piazzola di sosta che si trova poco prima e nelle successive, anche nell'area ferentinate, l'inciviltà è servita. Ogni giorno lo scempio aumenta sempre più, come aumentano anche la rabbia e il malcontento per una situazione diventata insostenibile. Forte l'appello degli automobilisti, quelli civili: «Installate le telecamere anche nelle altre piazzole. Fermate il degrado».

Purtroppo non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
E le immagini di quelle buste, in particolare nei tratti tra Alatri e Ferentino, riempiono anche i social. Inevitabile, anche in questo caso, le polemiche di chi condanna l'abbandono dei rifiuti.

Lo scorso anno un appello era arrivato anche dalla piccola Lea, una bambina di Alatri, che ha lanciato un messaggio agli incivili scrivendo nero su bianco il suo pensiero. Cartelli posizionati su piazzole della superstrada dove ci sono rifiuti abbandonati: "non inquinate".