Notte di capodanno di paura a Ferentino per un ventenne del posto, costretto a consegnare una manciata di euro a due suoi concittadini. Pronta la risposta dei carabinieri che hanno subito identificato gli autori del fatto. Per la giovane vittima non è cominciato nel migliore dei modi il 2022. Era da poco passata la mezzanotte. Le strade erano pressoché vuote, la stragrande maggioranza dei cittadini stava festeggiando in casa o in qualche locale l'arrivo del nuovo anno, dominava il frastuono dei botti d'artificio. Il giovane stava camminando lungo la centralissima via XX Settembre, vicino piazza Matteotti, quando è stato avvicinato dalla coppia, un quarantaquattrenne e un ventitreenne.

I due hanno intimato al ventenne di consegnare loro i soldi, stando all'esito dell'operazione, dopo averlo minacciato con un coltello. Loro malgrado però il ragazzo aveva con sé solo un'esigua somma di denaro e non ha potuto fare altro che cederla ai malintenzionati. Ottenuti i pochi spiccioli, i due sono saliti su un'auto nera e via. Veloce la richiesta di aiuto al 112. Pattuglie dei carabinieri del Comando stazione di Ferentino guidato dal luogotenente Raffaele Alborino, in quel frangente in perlustrazione sul territorio per l'ordine pubblico nella notte più caotica dell'anno, si sono precipitate nella zona centrale.

I militari hanno ascoltato il racconto dei fatti e raccolto ogni indizio dei malfattori. Grazie alle indicazioni fornite da alcuni presenti, che hanno descritto minuziosamente il veicolo utilizzato dagli autori del misfatto, si sono messi alla ricerca dell'auto. Le indagini hanno avuto esito positivo. Infatti i carabinieri del Comando medesimo sono riusciti a risalire ai due ferentinati, già noti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, e venuta meno la flagranza sono stati denunciati, perché ritenuti responsabili del reato di rapina aggravata in concorso ai danni del ventenne.
La refurtiva recuperata dai militari sarà restituita alla vittima.